Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 15:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Tecnologia

Attacco hacker a WhatsApp: una telefonata e lo spyware veniva istallato sullo smartphone

Immagine di copertina
Falla nel sistema della app di messaggistica

Whatsapp hacker – WhatsApp sotto attacco. Un virus ha infettato diversi smartphone attraverso una chiamata tramite Whatsapp, senza bisogno che ci fosse una risposta. Lo ha rivelato la stessa compagnia controllata da Facebook.

Un portavoce dell’app ha spiegato che il numero di dispositivi infetti è di ‘alcune dozzine’, e che il problema è stato scoperto all’inizio di maggio. Dunque si parla di una falla nella sicurezza che ha permesso così agli hacker di installare spyware su alcuni dispositivi riuscendo così ad accedere ai dati contenuti negli smartphone.

Stufi dei gruppi Whatsapp? Adesso c’è un modo per evitarli

È stato il Financial Times a diffondere l’informazione, poi confermata da un comunicato della app controllata da Zuckerberg. WhatsApp ha invitato i suoi 1,5 miliardi di utenti ad aggiornare l’applicazione all’ultima versione e ad aggiornare anche il sistema operativo del dispositivo. Una misura di prevenzione e protezione per sanare la falla.

Nella nota di WhatsApp si legge anche che la piattaforma di messaggistica ha provveduto a riparare lunedì il bug che permetteva agli hacker di infilarsi nei device. Come si legge sul report del Financial Times, sarebbe stata una società israeliana, la NSO Group, a sviluppare la tecnologia utilizzata dagli hacker. La NSO Group si occupa di prodotti legati alle agenzie di intelligence mediorientali e occidentali.

Dalla app di Zuckerberg fanno sapere che ancora non si è a conoscenza del numero esatto di dispositivi hackerati, ma che il numero resta comunque molto limitato. I device sarebbero stati scelti dagli hacker, che non avrebbero quindi condotto un attacco su larga scala.

Quello che resta ignoto è anche per quanto tempo queste attività di spionaggio siano state portate avanti sui dispositivi hackerati. La telefonata che è arrivata direttamente sulla app – l’esca degli hacker – è scomparsa dalla cronologia.

WhatsApp, c’è un trucco per scoprire se il partner ti tradisce

Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Intrappolati nella bolla: perché è pericoloso informarsi solo su Facebook
Tecnologia / Quali sono i diversi tipi di sistemi UPS? Ecco le diverse tecnologie per soddisfare una varietà di esigenze
Tecnologia / Le qualità dei dati aziendali: comprendere le caratteristiche per capirne il potere
Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Intrappolati nella bolla: perché è pericoloso informarsi solo su Facebook
Tecnologia / Quali sono i diversi tipi di sistemi UPS? Ecco le diverse tecnologie per soddisfare una varietà di esigenze
Tecnologia / Le qualità dei dati aziendali: comprendere le caratteristiche per capirne il potere
Tecnologia / VPN e sicurezza informatica: come proteggersi dalle minacce?
Economia / Smartworking, i dipendenti Amazon potranno lavorare da remoto per sempre
Tecnologia / Il diritto alla privacy è un diritto umano: parla l’esperto e organizzatore della Privacy Week Jacopo Sesana
Salute / Gli integratori per te li suggerisce un’Intelligenza Artificiale
Cronaca / Clima, Google Maps mostrerà il percorso con meno emissioni di CO2 per gli spostamenti in auto
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Shopping / Quando la ricchezza di contenuti incontra la qualità: analisi di un fenomeno vincente