Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Tecnologia

L’UE contro l’obsolescenza programmata: “No a chi vuole farci cambiare smartphone ogni 3 anni”

Immagine di copertina
Credit: Julian Stratenschulte/dpa

L’UE contro l’obsolescenza programmata: “No a chi vuole farci cambiare smartphone ogni 3 anni”

“Stiamo lavorando per prevenire l’obsolescenza programmata di smartphone e tablet”. Dopo l’intesa per imporre un caricabatterie unico ai produttori di cellulari e tablet, l’Unione Europea prepara una nuova offensiva contro i giganti del tech. Per il prossimo autunno, le autorità europee intendono imporre nuove regole che aspirano a prolungare la vita dei dispositivi prodotti da multinazionali come Apple e Samsung.

“Alcune aziende vorrebbero che cambiassimo il nostro smartphone ogni tre anni, li capiamo, ma non è il punto di vista dei consumatori e nemmeno il nostro, in termini di prendersi cura ora dell’ambiente”, ha detto ieri Thierry Breton, commissario europeo per il Mercato interno.

Ieri il consiglio e il parlamento europeo hanno raggiunto un accordo che propone l’Usb-C come standard unico per cellulari, tablet, e-reader e altri device, a discapito di aziende che utilizzano una tecnologia specifica per ricaricare i propri dispositivi, come la presa Lightning di Apple. L’emendamento alla direttiva europea sulle apparecchiature radio (Red) sarà votato dal parlamento europeo prima della pausa estiva.

“La regola vale per tutti, non è fatta contro nessuno”, ha detto Breton, affermando che i nuovi standard inizierebbero a essere applicati tra due anni, anche se le aziende sono incoraggiate ad adeguarsi prima. “A buon intenditore poche parole”.

Secondo il commissario europeo, dopo la pausa estiva la commissione presenterà una nuova proposta sull’obsolescenza programmata, che dovrà affrontare le questioni de “l’affidabilità, la facilità di smontaggio, incentivi alla riparazione, l’accesso a pezzi di ricambio critici e l’aumento del riciclo”.

“Non costringiamo nessuno a entrare nel mercato interno, ma ci sono delle regole che si applicano a tutti”, ha detto Breton.

Ti potrebbe interessare
Economia / Bollette, nuovo decreto contro il caro energia. Draghi: “Evitati aumenti fino al 45%”
Economia / Investire nel 2022 puntando sulla consulenza evoluta: le risposte di BNL BNP Paribas
Economia / Fame zero e corretta nutrizione nell’obiettivo di BG4SDGs – Time To Change, il progetto fotografico di Banca Generali e Stefano Guindani
Ti potrebbe interessare
Economia / Bollette, nuovo decreto contro il caro energia. Draghi: “Evitati aumenti fino al 45%”
Economia / Investire nel 2022 puntando sulla consulenza evoluta: le risposte di BNL BNP Paribas
Economia / Fame zero e corretta nutrizione nell’obiettivo di BG4SDGs – Time To Change, il progetto fotografico di Banca Generali e Stefano Guindani
Economia / Gli imperi sportivi più ricchi del mondo, tra Europa e America
Economia / La Russia è vicina al default: le sanzioni bloccano i pagamenti sui bond in dollari ed euro
Economia / Smart working, diritti Lgbt, parità di genere: ecco chi è Melissa Peretti, il nuovo capo di Google in Italia
Economia / Aeroporti: “Entusiasmo e speranza per ripartire e tornare a vivere”
Cronaca / Gas, prezzi alle stelle dopo gli stop russi alle forniture: oggi +20%
Lavoro / illimity lancia b-ilty: il primo Business Store Digitale dedicato alle PMI
Economia / Russia, Gazprom taglia il gas all’Italia senza preavviso: riduzione del 15%