Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:51
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Tecnologia

Che cosa succede agli smartphone Huawei dopo lo stop agli aggiornamenti di Google

Immagine di copertina
Credit: Flickr

Google Huawei aggiornamenti

“Huawei continuerà a fornire aggiornamenti di sicurezza e servizi post-vendita a tutti gli smartphone e tablet Huawei e Honor esistenti, coprendo sia quelli già venduti sia quelli in stock a livello globale”. A dirlo è Huawei in merito alle indiscrezioni diffuse da Reuters sulla perdita dell’accesso, per i dispositivi Huawei, agli aggiornamenti del sistema operativo di Google, Android.

Google contro Huawei, bloccati gli aggiornamenti di Android

Niente panico, dunque. Chiunque abbia in tasca uno smartphone Huawei si sta domandando in queste ore se tra qualche giorno sarà ancora in grado di utilizzare il device. La buona notizia è che sembra che le conseguenze serie non saranno retroattive, anche se voci insistenti parlando di possibili problemi nell’aggiornamento delle app.

A far sobbalzare i possessori di Huawei – giusto per aver chiara la portata della situazione parliamo del 25 per cento degli smartphone degli europei – è stato Google, che nelle ultime ore sembra intenzionata a mettere un punto ai rapporti con il colosso delle telecomunicazioni, sospendendo ogni attività portata avanti con la società cinese. Prima del colosso dell’informatica, era stato Donald Trump aveva inserito l’azienda nella lista nera, vietandone l’uso per motivi di sicurezza nazionale.

Google Huawei aggiornamenti | Problemi per l’aggiornamento

Di certo, chi ha un telefono Huawei non perderà le app fino a oggi installate sul proprio device. I problemi, però, secondo qualcuno potrebbero andare ben oltre l’aggiornamento. Qualsiasi app collega al colosso della Silicon Valley verrà di fatto bloccata. Si pensi alla posta elettronica più diffusa del globo: Gmail – la mail di Google, appunto – potrebbe diventare di fatto inaccessibile dagli smartphone Huawei.

Per adesso sembra che comunque lo store delle app di Android (Google Play) continuerà a funzionare proprio come prima. Come pure il sistema di sicurezza Google Play Protect. Ancora non si ha una risposta precisa su cosa accadrà tra qualche tempo per quanto concerne gli aggiornamenti.

Google Huawei aggiornamenti | Le impostazione dai setting del cellulare

Ad oggi è possibile ancora scaricare e aggiornare le applicazioni sugli smartphone Huawei, senza problemi. Stessa cosa con l’accesso alle app collegate a Google (come Gmail, appunto). Come si legge su Repubblica in un articolo di Simone Cosimi, non tutti sanno che informazioni, privacy e sicurezza possono essere impostati anche dai setting del cellulare.

I device di Huawei girano su versioni di Android particolari: Emui e Magic UI. Dunque nessun problema, continueranno a funzionare senza problemi. La società di Shenzhen sta pensando di ovviare ogni problema dando vita a un proprio sistema operativo.

Google Huawei aggiornamenti | Verso un nuovo sistema operativo

“Continueremo a costruire un ecosistema software sicuro e sostenibile, al fine di fornire la migliore esperienza a tutti gli utenti a livello globale”, scrive l’azienda in una nota. Google ha chiuso i battenti solo a un segmento di contratti, quelli che prevedono il rilascio di una licenza a pagamento di versioni di Android precise. Ma, si sa, il mondo open source permette di avere una versione di Android completamente free.

Anche se, è bene sottolinearlo, il problema è che questa versione open source non presenta il Play Store, Mappe, Gmail, come pure Foto, Play Musica e altri servizi, di certo non di secondo piano. Il colosso fondato da Ren Zhengfei ha una buona base, però, su cui sviluppare il sistema operativo in questione. Monco, ma comunque basic.

Insomma, i problemi potrebbero non esserci per i cellulari già venduti, ma potrebbero profilarsi per l’aggiornamento delle app. Sicuramente, però, i problemi più seri ci saranno per i nuovi. Il mercato del colosso cinese potrebbe subire così un arresto massiccio.

Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Un cloud europeo alternativo a quello delle Big Tech: intervista all’italiano che ci sta lavorando
Tecnologia / Soldo: la piattaforma smart per l’automazione dello spend management in azienda
Tecnologia / Instagram Business: strategie, approcci ed errori da evitare nel libro di Giò Fumagalli
Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Un cloud europeo alternativo a quello delle Big Tech: intervista all’italiano che ci sta lavorando
Tecnologia / Soldo: la piattaforma smart per l’automazione dello spend management in azienda
Tecnologia / Instagram Business: strategie, approcci ed errori da evitare nel libro di Giò Fumagalli
Tecnologia / WhatsApp, arrivano i sondaggi: ecco come funziona
Economia / Twitter, l’aut aut di Musk ai dipendenti: “Lavorate duro o siete licenziati”
Tecnologia / Altro che password sicure, ecco quali sono quelle più utilizzate nel mondo e in Italia: la sorprendente classifica
Cronaca / Artemis, lanciato il razzo Nasa: primo passo per il ritorno sulla Luna
Economia / La manager di Twitter che dorme in ufficio è sopravvissuta ai licenziamenti
Tecnologia / Twitter fuori controllo dopo le decisioni di Musk: anche Gesù Cristo ha la spunta blu
Tecnologia / Philip Morris International presenta in Italia il nuovo IQOS ILUMA: la rivoluzione nel mondo IQOS