Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Tecnologia

Criptovalute, i mille usi delle stablecoin

Immagine di copertina
Markus Franke

Markus Franke, founder di Celo, una tra le stablecoin più innovative e utilizzate nel mondo, ci spiega nascita, sviluppi e futuro dei token simbolo della finanza decentralizzata

Le stablecoin si affacciano per la prima volta sulla scena del mondo crypto nel 2014. La ragione? Dare agli utenti la possibilità di avere una degna alternativa a un altro tipo di criptovalute, più volatili e speculative, come i Bitcoin. La stabilità, il valore che contraddistingue le stablecoin, ha permesso loro di essere usate come mezzo di scambio e riserva di valore. Tuttavia, la mancanza di trasparenza, i lunghi tempi di transazione, i costi elevati e l’accesso limitato ad esse, hanno fatto sì che quella delle stablecoin fosse una rivoluzione molto, molto lenta.

Markus Franke, lei è il founder di Celo, un ecosistema blockchain mobile first e carbon-negative a cui sono ancorate alcune stablecoin prima in USA, poi in Europa e ora in Brasile. A cosa si deve questo grande sviluppo?

Senza dubbio abbiamo superato le grandi problematiche che affliggevano inizialmente il mercato delle stablecoin e cioè quella della velocità di transazione, dei costi elevati e di un accesso che, almeno inizialmente, era piuttosto limitato. Le abbiamo superate lanciando, appena due anni fa, Celo Dollar (cUSD). cUSD è ancorato al dollaro USA ed è stato progettato per consentire agli utenti senza conto corrente bancario di inviare e ricevere denaro quasi istantaneamente attraverso un telefono cellulare, anche per un importo irrisorio. Vista la riuscita di cUSD, una seconda stablecoin, Celo Euro (cEUR), è stata lanciata all’inizio del 2021 e pochi mesi fa è stata la volta di cReal, ancora alla moneta brasiliana. Ma non ci fermiamo qui: altre stablecoin saranno lanciate e seguiranno altre valute legali come il peso filippino, ad esempio, o lo yen giapponese. Ma con Celo stiamo vagliando anche altre possibilità, come quella di ancorare la moneta digitale a un paniere di attività che possa fungere da valuta comunitaria o unità di conto locale.

Come possono mantenere la propria stabilità questa tipologia di valute digitali?

Per mantenere la sua stabilità, cUSD ad esempio è supportato dalla riserva Celo composta da un paniere di criptovalute, tra cui CELO, la risorsa nativa della rete. La riserva di Celo adegua algoritmicamente l’offerta di stablecoin alla domanda degli utenti. Se il valore di cUSD supera $ 1, la rete aumenta l’offerta di cUSD consentendo agli utenti di acquistare cUSD appena creato dalla riserva di Celo in cambio di $ 1 di CELO. Il contrario accade quando il prezzo scende al di sotto di $ 1.

Quali sono i vantaggi dell’architettura Celo?

La prima è che Celo è una blockchain mobile-first, progettata per transazioni veloci e leggere (circa 5 secondi) con intestazioni di blocco ottimizzate per la sincronizzazione dei telefoni cellulari. Inoltre, Celo lavora con non custodial wallet, cioè wallet che interagiscono direttamente con la blockchain e a differenza dei custodial wallet non richiedono l’intervento di nessuna terza parte, rendendo l’utente custode delle chiavi crittografiche private. Con questi wallet, uno su tutti Valora, gli utenti possono inviare pagamenti a numeri di telefono, il che rende le transazioni sulla blockchain di Celo facili come inviare un messaggio di testo a un contatto telefonico. Infine, le commissioni di transazione sulla blockchain di Celo sono trascurabili e pagabili in asset stabili, il che significa che gli utenti che inviano cUSD ad amici o familiari sono in grado di pagare commissioni dal loro saldo cUSD e non devono detenere un saldo separato di CELO per fare transazioni.

Una delle grandi problematiche delle criptovalute è la questione dell’inquinamento ambientale. Come sta operando Celo in questo senso?

So bene che il problema di molte criptovalute è questo. Ma l’architettura di CELO è anche rispettosa del clima. La nostra blockchain, infatti, si basa su un meccanismo di consenso noto come Proof-of-Stake, che consuma molta meno energia rispetto al meccanismo Proof-of-Work di Bitcoin, senza compromettere la sicurezza. La rete compensa le sue emissioni rimanenti attraverso vari programmi a favore dell’ambiente.

È corretto dire che un ecosistema come quello di Celo rappresenta in tutto e per tutto una vera e propria alternativa al pagamento tradizionale?

Certo. Con dei vantaggi. Le stablecoin di Celo offrono ai commercianti un’alternativa più economica e veloce ad altre soluzioni di pagamento. Le transazioni sulla blockchain di Celo costano una frazione di un centesimo di dollaro indipendentemente dal valore e vengono elaborate rapidamente, mentre i fornitori di servizi di pagamento che utilizzano un’infrastruttura di pagamento legacy in genere addebitano una commissione fissa, più un ulteriore commissione che può variare dall’1,5% al ​​3%. Un altro vantaggio dell’utilizzo della tecnologia blockchain è che riduce il rischio di controparte eliminando l’intermediario. Il mittente e il destinatario effettuano transazioni direttamente tra loro anziché tramite un fornitore di servizi di pagamento di terze parti, eliminando un potenziale punto di errore.

MugglePay di Singapore è stato uno dei primi ad adottare le stablecoin, mentre Deutsche Telekom, il browser web Opera e PayU, che serve 450.000 commercianti in America Latina, Africa e Sud-est asiatico, si sono recentemente uniti all’Alliance for Prosperity di Celo e hanno annunciato il supporto degli asset stabili di Celo. Non solo. Le stablecoin offrono anche agli utenti un modo conveniente per inviare denaro direttamente oltre confine senza intermediari. Per contestualizzare, inviare $ 200 in cUSD o cEUR costa meno di un centesimo, rispetto a un addebito medio globale di $ 12 secondo la Banca mondiale, che sale a oltre $ 30 in alcuni paesi.

Grazie a progetti come Kotani Pay, gli utenti possono inviare e ricevere denaro e richiedere prestiti dai dispositivi mobili più elementari di proprietà di circa il 60% del mercato africano.

Sulla carta sembra una trovata rivoluzionaria, ma resta ancora un po’ complessa da capire e da spiegare. Ci fa qualche esempio?

Nel giugno 2020, la Grameen Foundation senza scopo di lucro ha lanciato un progetto per inviare aiuti di emergenza in contanti alle imprenditrici nelle Filippine. La consegna di beni fisici è stata una sfida date le misure per combattere la pandemia di covid, quindi la fondazione ha utilizzato la piattaforma Celo per inviare quasi $ 160.000 in cUSD a oltre 730 beneficiari. I destinatari hanno speso i soldi attraverso un microsito personalizzato che vende generi alimentari e necessità quotidiane. Questa è una dimostrazione concreta di come, ad esempio, le stablecoin Celo consentano una distribuzione mirata, rapida ed economica di aiuti umanitari e ambientali. Per questa ragione, anche il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, Mercy Corps e CARE hanno annunciato progetti su Celo. Questo avviene perché una migliore connessione ha creato opportunità di microlavoro, offrendo alle persone la possibilità di guadagnarsi da vivere a tempo pieno o di aumentare il proprio stipendio. Tuttavia, i pagamenti di microlavoro sono in genere piccoli, quindi sono più adatti per soluzioni a basso costo che utilizzano stablecoin. E come sottolineato in precedenza, la tecnologia di Celo è compatibile con i telefoni cellulari di base.

Abbiamo capito che ecosistemi di questo tipo possono avere dei vantaggi anche maggiori rispetto ai sistemi bancari tradizionali. Ma quali sono concretamente le categorie che ne possono trarre un netto giovamento?

Le stablecoin offrono agli utenti l’accesso a una nuova generazione di prodotti finanziari alternativi, tradizionalmente disponibili solo tramite una banca, direttamente attraverso il proprio telefono cellulare. Per cui sono convinto che l’ecosistema DeFi può diventare importante nei paesi con un’infrastruttura finanziaria limitata in cui è difficile aprire un conto o richiedere facilitazioni di credito o di prestito. Convertendo la valuta locale in cUSD e cEUR, gli utenti possono proteggere le proprie entrate e risparmi da parte del rischio di iperinflazione che può erodere rapidamente il valore di alcune valute legali. E l’iperinflazione rimane una vera preoccupazione per milioni di persone con tassi di inflazione nel 2020 superiori a centinaia e migliaia di punti percentuali in alcuni paesi. Prendi ad esempio lo Zimbabwe. I prezzi stanno aumentando di circa il 100% quest’anno, anche se si tratta di un miglioramento rispetto al 550% nel 2020. L’Argentina invece sta affrontando più di un decennio di inflazione a due cifre con tassi di inflazione attuali compresi tra il 40% e il 50%.

È ovvio che anche nei paesi a bassa inflazione, come l’UE e gli Stati Uniti, le stablecoin possono aiutare a evitare l’erosione dei risparmi. I tassi sui depositi della Banca centrale europea sono attualmente negativi e le banche commerciali trasferiscono questi costi ai clienti al dettaglio, sotto forma di tassi negativi o di commissioni maggiorate. Tuttavia, gli euro detenuti come cEUR non sono esposti a questi tassi o al rischio di cambio di conversione degli euro in altre valute legali. I tassi di interesse negli Stati Uniti sono vicini allo zero, mentre la comunità di Celo ha messo da parte fondi per fornire agli utenti di Valora premi del 5% sulle partecipazioni in cUSD.

Alcuni membri della comunità hanno lanciato le proprie stablecoin sulla rete Celo per soddisfare la domanda delle comunità locali. La stablecoin cXOF di DuniaPay tiene traccia del valore del franco CFA dell’Africa occidentale, una valuta utilizzata dai residenti in più di quattordici paesi dell’Africa occidentale, e consente ai possessori di guadagnare l’8% sulle loro partecipazioni in cXOF.

Come funzionano gli scambi decentralizzati?

Nei mercati tradizionali, le attività vengono negoziate tramite ordini su borse centralizzate che determinano i prezzi di compensazione in base alla domanda e all’offerta. Gli scambi decentralizzati (DEX), come quelli che avvengono ad esempio su Uberswap, eliminano la necessità di un intermediario. In questo modo, gli utenti commerciano direttamente attraverso pool di liquidità, una raccolta di monete detenute in uno smart contract sulla blockchain. I DEX utilizzano un algoritmo per regolare il prezzo di un asset in base ai flussi in entrata e in uscita dai pool.

I DEX possono eseguire operazioni solo se il pool ha liquidità sufficiente, quindi offrono un incentivo pagando i fornitori di liquidità. Tuttavia, ci sono rischi di perdita, specialmente quando le monete sono volatili.

Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Vite in vendita: nel Metaverso bisognerà pagare per esistere
Tecnologia / Attacco hacker a siti Italia, anche Difesa e Senato. Rivendicato dal collettivo russo Killnet
Lavoro / NFT: cosa sono, rischi e scenari futuri nel metaverso
Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Vite in vendita: nel Metaverso bisognerà pagare per esistere
Tecnologia / Attacco hacker a siti Italia, anche Difesa e Senato. Rivendicato dal collettivo russo Killnet
Lavoro / NFT: cosa sono, rischi e scenari futuri nel metaverso
Tecnologia / Bonus Internet: 300 euro alle famiglie (senza Isee). Cos’è e come funziona
Tecnologia / WhatsApp, si potrà usare lo stesso account su due telefoni
Tecnologia / WhatsApp down oggi 28 aprile 2022: l’app non funziona, cosa è successo
Tecnologia / Quella del data scientist è una professione in declino?
Tecnologia / È iniziata l’epoca del cittadino digitale?
Tecnologia / Un avatar a spasso per i musei
Tecnologia / Telegram down oggi mercoledì 23 marzo 2022: cosa sta succedendo