Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:32
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Sport » Calcio

Totti lascia la Roma: lunedì la conferenza stampa d’addio

Immagine di copertina

Totti lascia la Roma | Totti addio Roma | Perché | News | Conferenza stampa

TOTTI LASCIA LA ROMA – Francesco Totti ha deciso. Dopo una vita in giallorosso, è arrivato il momento di dire addio alla Roma. Si chiude di fatto un’epoca per lo sport italiano. Dopo circa 30 anni infatti le strade di Totti e della Roma stanno per separarsi.

Un altro colpo al cuore per i tifosi giallorossi, dopo il mancato rinnovo di capitan De Rossi. Lunedì 17 giugno 2019 è prevista una conferenza stampa in cui lo storico numero 10 giallorosso spiegherà le ragioni del suo addio.

La conferenza al Coni di lunedì confermerà la sua decisioni e darà probabilmente maggiori dettagli sul perché di questa scelta a sorpresa. Per Totti si tratta di fatto del secondo addio alla Roma, dopo quello di appena due anni fa quando aveva concluso la carriera da giocatore per avviare quella da dirigente giallorosso.

Solo pochi giorni fa, Francesco Totti con un post su Twitter aveva espresso la volontà di chiarire la sua posizione in merito alle diverse voci e alle ipotesi che erano state fatte dai media sul ruolo da lui ricoperto nella Roma.

In particolare aveva fatto scalpore la sua assenza durate i vertici di mercato della Roma a Londra. Ma perché Totti lascia la Roma?

De Rossi, lettera di addio alla Roma: “Nessuno vi amerà più di me”

totti roma

Totti lascia la Roma | Perché

Si tratta di una scelta sofferta ma ben maturata. Tra le principali ragioni sicuramente il fatto di non essere coinvolto nelle più importanti decisioni che nel frattempo la società prendeva, tra cui quella del nuovo allenatore e del nuovo direttore sportivo. Totti infatti non ha gradito che le sue idee e proposte non venissero neanche prese in considerazione.

A influire anche certa stampa che da quando è diventato dirigente gli è sempre andata contro, e ancora la lettera di Pallotta, nel quale il presidente affermava la centralità di Baldini e conseguentemente quella molto minore a livello decisionale di Totti.

“Torneremo grandi insieme”: il commovente post di Francesco Totti per l’amico De Rossi

Un campanello d’allarme forte che avrebbe portato alla decisione dell’addio è stata l’assenza dell’ex capitano al vertice di mercato di Londra. Totti avrebbe voluto un ruolo davvero operativo nella sua squadra di sempre, e non meramente di facciata. Per questo non ha accettato di rivestire il ruolo di direttore tecnico.

Lunedì 17 giugno con la conferenza stampa nel Salone d’onore del Coni il definitivo e storico addio di Totti alla sua Roma.

Ti potrebbe interessare
Calcio / Lionel Messi non rinnova col Barcellona: il comunicato del club
Calcio / Insigne conquista l’Europa: è il suo saluto al Napoli?
Calcio / Lo sport più popolare al mondo è un pesce fuor d’acqua alle Olimpiadi
Ti potrebbe interessare
Calcio / Lionel Messi non rinnova col Barcellona: il comunicato del club
Calcio / Insigne conquista l’Europa: è il suo saluto al Napoli?
Calcio / Lo sport più popolare al mondo è un pesce fuor d’acqua alle Olimpiadi
Calcio / “Chiellinigkeit”: in Germania hanno coniato una nuova parola dedicata a Chiellini
Calcio / "Sapete cosa fare": il discorso di Mancini agli azzurri prima della finale con l'Inghilterra
Calcio / Il giornale scozzese The National regala abbonamenti a vita a Mancini e a tutti gli Azzurri
Calcio / “Io italiano vi racconto l’inferno di Wembley: 10mila persone entrate senza biglietto”
Calcio / Europei, beffa per il telecronista Rai in isolamento: “Costretto a vedere la finale sulla Bbc”
Calcio / Gli inglesi rifiutano la medaglia e dimostrano che il fair play vale solo quando vincono loro (di F. Pagano)
Calcio / Ursula Von der Leyen e Charles Michel: "Tiferemo per gli Azzurri nella finale tra Italia e Inghilterra"