Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Sport » Calcio

Europei, beffa per il telecronista Rai in isolamento: “Costretto a vedere la finale sulla Bbc”

Immagine di copertina

Europei, beffa per il telecronista Rai in isolamento: “Costretto a vedere la finale sulla Bbc”

Il telecronista della Nazionale italiana di calcio per la Rai ha dovuto vedere la più importante partita degli ultimi 15 anni sulla Bbc. Dopo aver seguito la cavalcata della squadra allenata da Roberto Mancini verso l’ultima partita degli Europei di calcio, giocata ieri nella storica cornice dello stadio di Wembley, Alberto Rimedio è stato costretto a rinunciare alla telecronaca della finale dopo essere risultato positivo al nuovo coronavirus durante i test effettuati tra i giornalisti che seguono la Nazionale.

“Fermarmi adesso è bruttissimo”, ha detto Rimedio in un’intervista al Corriere della Sera pubblicata prima della finale vinta ieri dagli Azzurri ai calci di rigore contro l’Inghilterra. “Cosa poteva esserci di più bello di Italia-Inghilterra a Wembley? Forse la finale con il Brasile al Mondiale”, ha aggiunto Rimedio, dopo aver ricordato di aver fatto più di 200 giorni di trasferte in Italia e all’estero senza avere problemi dalla fine del lockdown per la pandemia di Covid-19 l’anno scorso.

“Il fatto che non mi sia inflitto punizioni corporali è un grande segno di maturità”, ha scherzato, parlando di una “grande amarezza” e ricordando di aver accompagnato la Nazionale “lungo il suo percorso e durante i 33 risultati utili di fila”, diventati ieri 34, a una sola lunghezza dal record assoluto detenuto da Brasile e Spagna. Rimedio invece dovrà invece rimanere in isolamento a Londra nel suo hotel. “La beffa è che in albergo non c’è la Rai e dovrò vederla sulla Bbc”.

Al posto di Rimedio ieri è subentrato un’altra voce storica della Rai, Stefano Bizzotto, accompagnato dall’ex calciatrice Katia Serra, diventata la prima voce femminile nella storia a commentare una finale dell’Italia, in sostituzione di Antonio Di Gennaro. All’ex giocatore del Verona dello scudetto, Rimedio ha voluto mandare “un grande abbraccio”: “se ‘Dige’ salta questo appuntamento è per colpa mia”, ha detto, facendo “un grande in bocca al lupo” a Katia Serra e Stefano Bizzotto, che era stato sostituito nel 2014 dallo stesso Rimedio come telecronista della Nazionale italiana. “Gli auguro di chiudere la telecronaca gridando nel microfono ‘l’Italia è campione d’Europa’”, ha detto Rimedio nell’intervista. E così è stato.

Ti potrebbe interessare
Calcio / Germania, Adidas ritira la maglia n. 44 della nazionale di calcio: il font ricorda il marchio delle SS
Calcio / Juan Jesus: “Amarezza per assoluzione di Acerbi. Non mi sento tutelato”
Calcio / Razzismo, nessuna squalifica per Francesco Acerbi: assolto per insufficienza di prove
Ti potrebbe interessare
Calcio / Germania, Adidas ritira la maglia n. 44 della nazionale di calcio: il font ricorda il marchio delle SS
Calcio / Juan Jesus: “Amarezza per assoluzione di Acerbi. Non mi sento tutelato”
Calcio / Razzismo, nessuna squalifica per Francesco Acerbi: assolto per insufficienza di prove
Calcio / Luca Toni è col cane: ingresso vietato in un circolo di Reggio Emilia. E lui attacca: “Vergogna”
Calcio / La presenza femminile nelle squadre di Serie A in Italia: analisi di Affidabile.org
Calcio / Milan, indagati l’ad Furlani e il suo predecessore Gazidis: sospetti sull’effettiva proprietà del club
Calcio / Evasione fiscale, chiesti in Spagna 4 anni e 9 mesi di carcere per Ancelotti
Calcio / Indonesia, calciatore muore in campo colpito da un fulmine | VIDEO
Calcio / Buffon: “A 18 anni comprai il diploma, fu un errore”
Calcio / Calcio, la Fifa smentisce le indiscrezioni sul “cartellino blu”: “Errate e premature”