Me

Ultimi sondaggi: aumentano i cattolici che votano Lega

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 8 Giu. 2019 alle 18:19 Aggiornato il 8 Giu. 2019 alle 18:22
Immagine di copertina

Ultimi sondaggi oggi 8 giugno | Governo news | Cattolici | Salvini

ULTIMI SONDAGGI OGGI 8 GIUGNO  | Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha fatto leva sulla fede cattolica degli elettori italiani per aumentare i propri consensi, soprattutto in occasione delle passate elezioni europee.

Qui tutti i sondaggi sulla politica italiana

Negli ultimi mesi abbiamo visto il capo del Viminale baciare la corona del Rosario o invocare la Madonna, farsi foto con alle spalle le icone di Gesù accompagnate da immagini di Putin o dal berretto dei carabinieri.

Una strategia di comunicazione ben precisa, che ha come target quella fascia di popolazione che, a prescindere dal credo religioso, ha bisogno di sicurezza.

Non a caso, tra chi si professa un praticante assiduo – che si reca regolarmente a messa tutto le domeniche o quasi) – a pochi giorni dalle elezioni europee il 27 per cento aveva affermato di voler votare per Matteo Salvini.

Un dato ancora più rilevante se si considera che alle politiche del 2018 solo il 12 per cento dei cattolici aveva deciso di dare il proprio voto alla Lega, che ha visto dunque aumentare il suo successo in questo particolare elettorato.

Ultimi sondaggi oggi 8 giugno | I cattolici e gli altri partiti

Di contro, il numero di fedeli che hanno votato alle europee per gli altri partiti italiani è diminuito, come dimostra il sondaggio di Ilvo Diamanti su Repubblica.

A risentirne di più sono stati Forza Italia e Movimento 5 stelle, mentre il danno è stato più contenuto in casa Pd. Rispetto alle politiche, il voto cattolico per i dem è passato dal 26 al 24 per cento.

Meno roseo il dato di Forza Italia: il sostegno tra i cattolici è passato dal 17 al 12 per cento. Per M5S il panorama è ancora più inquietante, che ha visto un calo dal 28 al 17 per cento.

Il sondaggio di Diamanti sottolinea però che solo il 20 per cento degli italiani considera “importante” l’insegnamento della Chiesa sul piano tanto etico quanto personale, mentre il 41 per cento lo reputa “utile”.