Covid ultime 24h
casi +22.930
deceduti +630
tamponi +148.945
terapie intensive +9

Sondaggi politici elettorali oggi 21 agosto 2020: Zaia vola in Veneto, ma per Salvini può essere un problema

Di Antonio Scali
Pubblicato il 21 Ago. 2020 alle 07:06 Aggiornato il 21 Ago. 2020 alle 18:46
157
Immagine di copertina

Sondaggi politici elettorali oggi 21 agosto 2020: ultimissimi dati

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI – Sembra non esserci partita in Veneto, almeno secondo quanto riportano gli ultimi sondaggi, in vista delle prossime elezioni regionali. Tutti i principali istituti attribuiscono infatti percentuali bulgare al presidente uscente Luca Zaia, che dunque sembra andare verso una riconferma. Il sondaggio realizzato da Fabbrica Politica il 7 agosto per Treviso Today, infatti, lo vede attestarsi a oltre l’80% delle preferenze.

Un vero plebiscito per Zaia, che a seguito dell’emergenza Coronavirus è diventato ancor più popolare non solo in Veneto, ma in tutta Italia. E così c’è chi vede per il governatore un futuro alla guida del centrodestra a livello nazionale. Matteo Salvini permettendo, ovviamente. Alle prossime elezioni regionali, secondo gli ultimi sondaggi, ci sarebbe una vera e propria sfida nella sfida con il leader del Carroccio. La lista del governatore sarebbe infatti davanti a quella della Lega, tanto per mettere ulteriore pepe nel dualismo tra Zaia e Salvini: 36,8% contro il 31,4% di quella leghista.

Un buon punto di partenza, qualora un domani il governatore volesse dare vita ad un movimento su tutto il territorio italiano. Sommando le liste a supporto di Zaia, il governatore sarebbe oltre l’80%: in Veneto, insomma, i giochi sembrano fatti. Un’ulteriore vittoria che potrebbe lanciarlo anche in ottica nazionale. La partita per la leadership del centrodestra è infatti ancora all’inizio, e il governatore veneto sembra avere le carte in regola per sfidare Salvini.

Come si fanno i sondaggi?

I sondaggi elettorali e politici vengono effettuati da società demoscopiche rispettando criteri scientifici ben precisi. Gli autori delle rilevazioni devono individuare un campione da intervistare sufficientemente ampio e rappresentativo della popolazione che si intende analizzare. Nel caso dei sondaggi sulle intenzioni di voto ai partiti o dell’indice di fiducia dei leader politici dunque gli intervistati devono rappresentare adeguatamente la popolazione italiana maggiorenne, coloro che hanno diritto al voto e che si recano alle urne. Questo lavoro viene fatto per ridurre al minimo il margine di errore e rendere la rilevazione quanto più attendibile. Di solito un sondaggio politico-elettorale viene considerato affidabile se il margine di errore indicato è del del 3 per cento con un intervallo di confidenza del 95 per cento. È proprio quella di identificare un campione rappresentativo della popolazione la maggiore difficoltà dei sondaggisti. Le interviste per i sondaggi politici elettorali di solito vengono effettuate con una metodologia Cati, telefonicamente, o Cawi, via Internet, o mista. Per effettuare le interviste le società demoscopiche si affidano a società specializzate.

Leggi anche: 1. Tutti i sondaggi  / 2. I sondaggi sulla Lega / 3. I sondaggi sul Pd / 4. I sondaggi sul M5S

157
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.