Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Sociale

I ragazzi del Food Pride di Torino raccolgono il cibo invenduto e lo donano ai più poveri

Immagine di copertina

Promotore della iniziativa l’Agenzia nazionale giovani (ANG) diretta da Domenico de Maio

I ragazzi del progetto Food Pride Torino, ormai da alcuni mesi, stanno facendo il giro dei mercati di Torino per recuperare i prodotti invenduti e consegnarli a persone in difficoltà economiche.

Un progetto di grande valore sociale, che va avanti da tempo, di cui è promotrice l’Agenzia nazionale giovani (ANG) diretta da Domenico de Maio, e che ha il fine di contrastare lo spreco alimentare e stare vicino a chi ne ha bisogno.

Un’iniziativa a cui partecipano anche le persone destinatarie dei beni e che punta ad attivare percorsi di reinserimento sociale.

Questo il post su Instagram del direttore dell’Agenzia nazionale giovani (ANG) Domenico De Maio:

“Pronti per fare il giro dei mercati di Torino, recuperare i prodotti invenduti e consegnarli a persone in difficoltà economiche! Io ho fatto una foto simpatica, ma i ragazzi del progetto Food Pride, finanziato dall’Agenzia nell’ambito dei “Progetti di Solidarietà” (Esc 31) lo fanno tutte le mattine. Un modo per stare insieme, contrastare lo spreco alimentare e aiutare persone fragili. La novità di questo progetto è che spesso partecipano alla raccolta anche i destinatari dei beni, affinché questa azione non sia percepita solo come mero assistenzialismo ma un progetto per riattivare percorsi di comunità e reinserimento. La difficoltà di mettere un piatto a tavola purtroppo non è solo dei “senza fissa dimora”, ma anche per chi la tavola magari ce l’ha ma ha perso il lavoro oppure attraverso questo meccanismo riesce a risparmiare sulla spesa per comprare un paio di scarpe in più ai figli. Questi ragazzi non si sono limitati a scendere in piazza per manifestare per l’ambiente ma sono impegnati a cambiare, concretamente, un pezzettino di mondo. Grazie!”

food pride torino

Ti potrebbe interessare
Cultura / Connessi, multitasking, trasversali: il futuro del lavoro è dei multipotenziali
Lavoro / Gaming, realtà virtuale e smart working: lavoro e videogame
Shopping / Quando la ricchezza di contenuti incontra la qualità: analisi di un fenomeno vincente
Ti potrebbe interessare
Cultura / Connessi, multitasking, trasversali: il futuro del lavoro è dei multipotenziali
Lavoro / Gaming, realtà virtuale e smart working: lavoro e videogame
Shopping / Quando la ricchezza di contenuti incontra la qualità: analisi di un fenomeno vincente
Costume / Wally Funk nello spazio a 82 anni
Economia / La digitalizzazione nel mondo del lavoro e la disuguaglianza di genere
Salute / I cani allungano la vita ai loro compagni
Sociale / Bolivia: l’impegno di CBM nell’inclusione scolastica di bambini e bambine con disabilità
Lavoro / Telecamere nei luoghi di lavoro? Come il VAR sui campi di calcio
Lavoro / Whatsapp e lavoro: attenzione alle chat
Sociale / Cresce l’uso di internet in tutti i settori