Me

Bambina conforta il fratello malato di leucemia: il commovente scatto fotografico

Di Marco Nepi
Pubblicato il 10 Set. 2019 alle 08:55 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 08:56
Immagine di copertina

Bambina conforta fratello malato di leucemia: il commovente scatto

Beckett Burge è un bambino malato di leucemia e quella al suo fianco, che con grande affetto ed empatia gli poggia una mano sulla spalla in segno di conforto, è la sua sorellina di 5 anni.

Lo struggente scatto fotografico è stato fatto dalla madre dei due bambini, la quale ha scelto anche di condividerlo su Facebook. La famiglia di Beckett vive a Princeton, in Texas, e sta affrontando un dolore immenso e dei mesi davvero duri dopo che al piccolo è stata diagnosticata una leucemia linfoblastica acuta, una particolare forma di tumore del sangue. Da quel triste giorno, quello della scoperta della malattia, Beckett è stato sottoposto a diverse cure, prima fra tutte quella chemioterapica, a trasfusioni di sangue e piastrine.

Bambina conforta fratello malato | Una storia di amore ed empatia

Aubrey, questo il nome di sua sorella, alla sua età non dovrebbe affrontare tutto questo dolore, perciò stupisce la grande maturità con cui si impegna a sostenere suo fratello. Un sostegno pieno di amore, quello che ogni giorno danno al piccolo Beckett i suoi genitori, i quali attendono speranzosi il giorno della sua guarigione.

A dividere i due bambini ci sono solo 15 mesi, ma Aubrey ha finora dimostrato di essere molto più matura della sua età. A dire di Kaitlin Burge, mamma dei bambini, fra loro c’è un “legame incredibile”. È lei ad aver raccontato l’amore e la devozione di Aubrey, che dopo aver confortato il fratello dopo una crisi dovuta agli effetti collaterali delle cure, ha chiesto ai genitori di aiutarli a pulire il bagno.

Perché condividere queste fotografie e mostrarle al mondo intero? Perché spesso certe cose si danno per scontate, ma il sostegno familiare per affrontare una malattia è la cosa più importante. In un certo modo è una continua iniezione di amore, una puntura che al contrario di altre non fa male ma benissimo. Che può guarire, o comunque contribuire a farlo.

Cinque miliardi: la somma vergognosa che i malati di tumore spendono di tasca propria ogni anno per curarsi