Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

In Cina è stata ritrovata la prima impronta animale della Terra

Immagine di copertina
La prima impronta animale risale al periodo Ediacarano, tra 635 e 541 milioni di anni fa.

Le più antiche tracce di animali mai scoperte sono state trovate nel sud della Cina e risalgono a circa 550 milioni di anni fa

La prima impronta animale della Terra è stata ritrovata nella contea di Wuhe, nel sud della Cina, e risale a circa 550 milioni di anni fa, quando il pianeta era quasi del tutto disabitato.

Le piante non avevano ancora ricoperto la Terra e gli animali che esistevano erano per lo più trilobiti e antenati di vermi.

La prima impronta animale risale al periodo Ediacarano, tra 635 e 541 milioni di anni fa.

Non è stato ancora possibile risalire con certezza alla specie animale che ha lasciato l’impronta, questo perché ancora non sono stati ritrovati i suoi resti fossili.

La scoperta è stata pubblicata sulla rivista Science Advances ed è stata fatta dai ricercatori dell’Istituto Nanjing di Geologia e Paleontologia (Nigp) dell’Accademia Cinese delle Scienze e della Virginia Tech americana.

Il salto evolutivo che ha portato la vita animale dalle acque alla terra è poco conosciuto. Tutti i ricercatori sanno che in quel periodo si è verificata improvvisamente la nascita di una varietà di tipi di evoluzione animale, alcuni dei quali hanno sviluppato gambe e hanno iniziato a respirare aria.

Gli scienziati lo associano alla cosiddetta “esplosione del Cambriano”, ma i progenitori potrebbero risalire al periodo Ediacarano.

In un articolo pubblicato mercoledì 6 giugno, il team ha descritto il più antico record di impronte di animali mai trovato, compreso tra 550 milioni e 540 milioni di anni fa.

Queste orme forniscono la prova di una minuscola creatura che camminava su due zampette ed era capace di scavare nel sedimento sul bordo dell’acqua e della terra.

“È difficile dire [esattamente] cosa fosse questo animale”, dice Shuhai Xiao, paleobiologo della Virginia Tech e autore principale dello studio.

Senza un piccolo cadavere fossilizzato vicino alle orme, gli scienziati non possono sapere molto sull’aspetto fisico della creatura.

Sono in grado di accertare alcuni dettagli della vita di questo animale, però. Per prima cosa, era estremamente piccolo: lungo circa un millimetro.

Xioa dice che individuare le impronte è stato possibile solo perché la squadra ha capito come far brillare le luci sul sedimento nel modo giusto per distinguere le deboli impronte. E per un altro, era in grado di scavare nel terreno.

Lo schema delle impronte indica che la creatura si è trascinata in un materassino microbico, una sostanza simile alla feccia di un laghetto che le ha fornito ossigeno.

I modelli di impronta suggeriscono ai ricercatori che l’animale che le ha lasciate potrebbe essere di un antenato della famiglia degli artropodi, che include granchi e ragni, o la famiglia degli anellidi, che include vermi e sanguisughe.

In ogni caso, queste impronte offrono buone prove che probabilmente gli animali si sono evoluti per la prima volta circa 550 milioni di anni fa.

I ricercatori non sanno ancora se tutte le creature con le zampe si siano evolute da una singola specie, o se il tratto si sia verificato in diverse specie contemporaneamente.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Gli ultimi sette anni sono stati i più caldi di sempre
Ambiente / Wwf, almeno 160 le specie estinte negli ultimi dieci anni. C’è la mano dell’uomo
Ambiente / Altro che oro! I Lego rendono molto di più
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Gli ultimi sette anni sono stati i più caldi di sempre
Ambiente / Wwf, almeno 160 le specie estinte negli ultimi dieci anni. C’è la mano dell’uomo
Ambiente / Altro che oro! I Lego rendono molto di più
Ambiente / C’è un albero in Alaska che può salvare il mondo
Ambiente / La salute riproduttiva delle donne viaggia sulle gobbe di un cammello
Ambiente / Palma da olio: okay con una filiera sostenibile
Ambiente / Che asfalto mi metto? Come cambiare strada e guadagnarci (di L. Telese)
Ambiente / Stop all’allevamento di animali da pelliccia
Ambiente / Come ripulire gli oceani con YouTube
Ambiente / Alaska, il termometro arriva a 19,4°: è la temperatura più alta mai registrata a dicembre