Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Salute

Sta scomparendo lo “yartsa gumbu”, il viagra tibetano che ha un valore maggiore dell’oro

Immagine di copertina
Lo "yartsa gumbu", il viagra tibetano

Il bruco-fungo, oltre a favorire il vigore sessuale, avrebbe effetti positivi anche sulla chemioterapia

Vale più di un grammo d’oro, sembra un bastoncino ed è una combinazione di bruco e fungo. È lo yartsa gumbu, una specie di viagra tibetano. L’organismo, però, ricercatissimo, è sempre più difficile da trovare. A riferire la notizia è Italia Oggi.

La crisi del viagra tibetano

Lo yartsa gumbu è presente normalmente sugli altopiani dell’Himalaya, a 3.200 metri sul livello del mare, e solo tra maggio e giugno. Data la posizione e la rarità, il suo valore sul mercato è molto alto. Nel 2017, infatti, in Cina è stato venduto al triplo del prezzo dell’oro – secondo Le Figaro, circa 105mila euro al chilogrammo.

Tra il 1997 e il 2012 il costo è aumentato del 20 per cento all’anno.

Tre ricercatori della Stanford University, in California, hanno cercato di capire quali sono le cause che hanno portato alla crisi del verme-fungo. Secondo l’analisi pubblicata su Pnas – la rivista americana dell’Accademia nazionale delle scienze – il motivo è legato allo sfruttamento del prodotto in ambito medico.

Un’altra ragione è da rintracciare nelle condizioni climatiche avverse: vivendo nel permagelo, il fungo ha constantemete bisogno di terre congelate. Il riscaldamento globale, dunque, è un nemico.

Gli effetti del viagra tibetano

Energia e capacità di resistere  meglio alla chemioterapia. Ma anche una cura per la disfunzione erettile e l’assenza di libido sia negli uomini che nelle donne. Questi dovrebbero essere gli effetti positivi provenienti dal consumo di yartsa gumbu. Che, secondo la tradizione, può essere ingerito sotto forma di zuppa.

Il viagra, però, è difficile da raccogliere vista la sua fragilità. Secondo i cinesi funziona solo se, dopo l’essiccazione, viene consumato interamente. Lo yartsa gumbu, comunque, è venduto dappertutto in Tibet: dall’aeroporto alle strade ai negozi.

Le sue caratteristiche sono note da secoli nella medicina cinese e tibetana.

Ti potrebbe interessare
Salute / Covid, Pregliasco: “Fragili e anziani devono fare subito la quarta dose. Inutile aspettare l’autunno”
Salute / Lo stretto legame tra PCOS e sindrome metabolica
Salute / Con Voi: l’assistenza domiciliare a casa tua
Ti potrebbe interessare
Salute / Covid, Pregliasco: “Fragili e anziani devono fare subito la quarta dose. Inutile aspettare l’autunno”
Salute / Lo stretto legame tra PCOS e sindrome metabolica
Salute / Con Voi: l’assistenza domiciliare a casa tua
Salute / Col prosciutto negli occhi e i figli obesi
Salute / Sintomi, contagiosità e diffusione: ecco cosa sappiamo sul vaiolo delle scimmie
Salute / L’amore scodinzola in reparto
Salute / Rischio salmonella, richiamati nuovi prodotti Kinder dai supermercati
Salute / L’acetone, scopriamo cause, rimedi e sintomi
Salute / Pillola del giorno dopo, tutto quello che c’è da sapere
Esteri / Guerra e malattie: come il conflitto rischia di aumentare la diffusione di HIV e tubercolosi in Ucraina