Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Salute

Giro del mondo in 150 giorni: l’incredibile avventura di due amici in carrozzina | VIDEO

Da quando hanno lanciato il progetto 'Viaggio Italia' Danilo Ragona e Luca Paiardi, entrambi disabili a causa di un incidente, hanno visitato 50 città e si sono cimentati in 30 sport, anche estremi

Dall’Italia al Brasile, dal Kenya alle pendici dell’Himalaya e poi l’India, il Carnevale di Rio de Janeiro e le spiagge delle isole Canarie. Negli ultimi tre anni Danilo e Luca hanno visitato circa 50 città cimentandosi in sport di ogni tipo e attività estreme come il parapendio e il downhill. Tutto in carrozzina.

Danilo e Luca sono Danilo Ragona, 40 anni, designer, e Luca Paiardi, 41, architetto e musicista, entrambi di Torino ed entrambi disabili da 20 anni per una lesione spinale traumatica causata da un incidente.

Nel 2015 i due hanno lanciato ‘Viaggio Italia’, progetto che nasce dall’idea di “condividere le esperienze positive che si possono vivere con la disabilità, usando il viaggio come escamotage”: l’obiettivo è parlare della quotidianità, senza filtri, in modo diretto, per mostrare nel concreto che “la disabilità può essere un punto di partenza che non preclude una esistenza intensa”.

Da allora, grazie anche al contributo di diversi sponsor, Ragona e Paiardi sono stati in viaggio complessivamente per 150 giorni, sperimentando 30 attività sportive.

L’elenco è lunghissimo: handbike, sci nautico, parapendio, ultraleggero, arrampicata su parete e su roccia, tennis, canoa, speleologia, canottaggio, volo dell’angelo, rafting, swim tracking, fuoristrada con jeep, corsa in carrozzina, downhill, elicottero, wakeboard, quad, surf, landsailing, aero yoga, basket, tennis tavolo, barca a vela, danza contemporanea, cavallo, tuk-tuk, moto d’acqua, sub.

‘Viaggio Italia’ ha consentito di avviare diverse raccolti fondi a scopo benefico, finanziando tra le altre cose la scuola e l’ostello per i bambini di Lamayuru, in India.

Inoltre, i due amici, con l’aiuto di diversi altri partner, hanno fondato B-Free, associazione no profit con lo scopo di sostenere, promuovere e sviluppare progetti sullo sport, sull’accessibilità e l’eliminazione delle barriere architettoniche.

Ti potrebbe interessare
Salute / Covid, Pregliasco: “Fragili e anziani devono fare subito la quarta dose. Inutile aspettare l’autunno”
Salute / Lo stretto legame tra PCOS e sindrome metabolica
Salute / Con Voi: l’assistenza domiciliare a casa tua
Ti potrebbe interessare
Salute / Covid, Pregliasco: “Fragili e anziani devono fare subito la quarta dose. Inutile aspettare l’autunno”
Salute / Lo stretto legame tra PCOS e sindrome metabolica
Salute / Con Voi: l’assistenza domiciliare a casa tua
Salute / Col prosciutto negli occhi e i figli obesi
Salute / Sintomi, contagiosità e diffusione: ecco cosa sappiamo sul vaiolo delle scimmie
Salute / L’amore scodinzola in reparto
Salute / Rischio salmonella, richiamati nuovi prodotti Kinder dai supermercati
Salute / L’acetone, scopriamo cause, rimedi e sintomi
Salute / Pillola del giorno dopo, tutto quello che c’è da sapere
Esteri / Guerra e malattie: come il conflitto rischia di aumentare la diffusione di HIV e tubercolosi in Ucraina