Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Salute

Sintomi, contagiosità e diffusione: ecco cosa sappiamo sul vaiolo delle scimmie

Immagine di copertina

Che cosa è il Vaiolo delle scimmie: cosa sappiamo e quali sono i sintomi

È stato identificato in Italia il primo caso di vaiolo delle scimmie: si tratta di un giovane appena rientrato dalle Canarie ora ricoverato in “discrete condizioni” all’Istituto Spallanzani di Roma. Ecco cosa sappiamo di questo virus, quali sono i sintomi e come si diffonde.

Attualmente, oltre che in Italia, il vaiolo delle scimmie è stato segnalato nel Regno Unito, in Spagna e in Portogallo: sono circa una ventina i casi accertati fino a questo momento in tutta Europa.

Endemica in Africa occidentale, la malattia è assai rara e poco contagiosa secondo quanto comunicano gli esperti, i quali comunque stanno studiando il fenomeno per capire come si sia diffuso nel Vecchio Continente in un tempo così ristretto.

Contagiosità e diffusione

Appartenente alla famiglia degli orthopoxvirus, il virus può essere trasmesso per contatto o attraverso droplet, ovvero le goccioline respiratorie che si emettono starnutendo, tossendo o semplicemente parlando. Secondo gli esperti, tuttavia, la malattia è poco contagiosa tra gli umani.

Vaiolo delle scimmie: i sintomi

Il vaiolo delle scimmie, per il quale non esiste una cura, causa febbre, mialgia, linfoadenopatia ed eruzioni cutanea su mani e viso, simili alla varicella e alla malattie esentamiche. I sintomi, solitamente, scompaiono spontaneamente entro 14-21 giorni dall’inizio della malattia. Il virus può uccidere fino a un paziente su dieci contagiati.

Cosa sappiamo

Il virus è diventato endemico in Nigeria e nel Congo. Nel 2003 la malattia è stata rilevata anche negli Stati Uniti con un focolaio scoppiato in seguito all’importazione di roditori dall’Africa. I primi casi registrati nel Regno Unito, invece, risalgono al 2018 con tre persone contagiate dopo il viaggio di un uomo di ritorno dalla Nigeria.

Bassetti: “Niente panico”

“Niente panico, perchè questo è un virus che, a differenza del Covid-19, si trasmette in maniera più difficile. Ma attenzione e capacità di sfruttare quanto abbiamo imparato negli ultimi due anni in tema di igiene pubblica e condivisione delle informazioni”.

“È giusto vigilare e informare la popolazione – ha aggiunto l’esperto – Questo è un virus che colpiva solo uomini in contatto con le scimmie, ma oggi sembra diffondersi in alcune comunità specifiche e questo è legato, probabilmente, alla modalità di trasmissione e al contatto ravvicinato e prolungato. Bisogna vigilare, perché diffondendosi potrebbe mutare e diventare più contagioso”.

Ti potrebbe interessare
Salute / Lo stretto legame tra PCOS e sindrome metabolica
Salute / Con Voi: l’assistenza domiciliare a casa tua
Salute / Col prosciutto negli occhi e i figli obesi
Ti potrebbe interessare
Salute / Lo stretto legame tra PCOS e sindrome metabolica
Salute / Con Voi: l’assistenza domiciliare a casa tua
Salute / Col prosciutto negli occhi e i figli obesi
Salute / L’amore scodinzola in reparto
Salute / Rischio salmonella, richiamati nuovi prodotti Kinder dai supermercati
Salute / L’acetone, scopriamo cause, rimedi e sintomi
Salute / Pillola del giorno dopo, tutto quello che c’è da sapere
Esteri / Guerra e malattie: come il conflitto rischia di aumentare la diffusione di HIV e tubercolosi in Ucraina
Salute / Il kit CoronaMeltVAR Real-Time PCR di Menarini Diagnostics rileva la variante Omicron di SARS CoV-
Salute / Strappato alla morte con un duplice trapianto