Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Salute

Vaiolo delle scimmie, registrato il primo caso in Europa

Immagine di copertina

La malattia è simile a quella del vaiolo e si manifesta con debolezza, dolori muscolari, febbre, spossatezza e bolle su tutto il corpo

È stato registrato in Regno Unito il primo caso di vaiolo delle scimmie, un variante del vaiolo umano: si tratta del primo caso in Europa, secondo quanto riportato dai media britannici.

Il paziente è un ufficiale della Marina della Nigeria di stanza nella base navale della Cornovaglia. L’uomo è stato ricoverato nel reparto di malattie infettive dell’Ospedale Royal Free di Londra.

Le autorità britanniche si sono messe in contatto con i passeggeri che erano nello stesso volo dell’ufficiale diretto verso il Regno Unito dal paese africano per sottoporli a controlli medici.

Il vaiolo delle scimmie

Il vaiolo delle scimmie è una malattia infettiva che viene trasmessa dagli animali. Il virus è stato individuato per la prima volta in alcuni esemplari di macaco cinomolgo da laboratorio nel 1958.

Il vaiolo delle scimmie appartiene al genere Orthopoxvirus ed è simile a quello del vaiolo. In genere è diffuso dai roditori africani, come per esempio ratti, scoiattoli del genere Heliosciurus e Funisciurus e ghiri.

A diffondere il vaiolo delle scimmie possono essere anche i cani della prateria, che nel 2003 causarono l’infezione di 71 persone negli Stati Uniti.

Il primo caso di contagio umano si è registrato nella Repubblica Democratica del Congo nel 1970: la malattia si è poi diffusa nel continente africano attraverso scimmie e roditori.

Il vaiolo può essere contratto venendo a contatto animali infetti o con la loro carne, con oggetti contaminati o con una persona infetta: in questo caso però il rischio di contagio è molto più limitato.

I sintomi e la cura

Il vaiolo delle scimmie è di difficile trasmissione e in generale è possibile guarire dalla malattia nel corso di due settimane.

L’incubazione del virus dura circa dieci giorni e i sintomi si manifestano per due-cinque settimane.

I sintomi, simili a quelli del vaiolo, comprendono dolori muscolari, crisi di vomito, febbre, brividi, sudorazione e ingrossamento dei linfonodi, a cui fanno seguito eruzioni cutanee su tronco e volto. In alcuni casi le bolle possono diffondersi anche sul resto del corpo.

Non esiste ancora un vaccino specifico per questa malattia.

Ti potrebbe interessare
Salute / Burioni sui 12 pazienti guariti dal tumore senza chemio o chirurgia: “Studio lascia a bocca aperta”
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Interviste / Come avere la pancia piatta e tonica con l’intervento di addominoplastica
Ti potrebbe interessare
Salute / Burioni sui 12 pazienti guariti dal tumore senza chemio o chirurgia: “Studio lascia a bocca aperta”
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Interviste / Come avere la pancia piatta e tonica con l’intervento di addominoplastica
Cronaca / Zanzare killer, a rischio i nascituri
Salute / Aborto, l’associazione Luca Coscioni lancia la piattaforma per le segnalazioni anonime sull’applicazione della 194
Salute / Imparare la lezione per prevenire e affrontare le future pandemie: il policy paper del Network italiano Salute Globale
Salute / Covid, arriva il test che in 4 ore riconosce la variante del virus
Salute / Covid, Pregliasco: “Fragili e anziani devono fare subito la quarta dose. Inutile aspettare l’autunno”
Salute / Lo stretto legame tra PCOS e sindrome metabolica
Salute / Con Voi: l’assistenza domiciliare a casa tua