Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Salute

Vaccini, allarme dal Ministero della Salute: “Mancato l’obiettivo della copertura del morbillo”

Immagine di copertina

Vaccini, allarme dal Ministero della Salute: “Mancata copertura del morbillo”

Allarme dal Ministero della Salute per il mancato obiettivo della copertura del morbillo. Si ferma infatti al 93,2 per cento, inferiore alla soglia del 95 per cento necessaria per eliminare la malattia. Nel 2018 è cresciuta dell’1,38 per cento la copertura della prima dose di vaccino contro morbillo-parotite-rosolia, ma rimane inferiore alla soglia necessaria.

A Bolzano la copertura è addirittura inferiore al 90 per cento.

Il Ministero della Salute, rilasciando i dati, ha precisato: “Continua a destare preoccupazione il mancato raggiungimento dell’obiettivo del 95%, nonostante il trend in aumento registrato”.

Solo Friuli Venezia Giulia, Marche, Sicilia e Veneto hanno ancora una copertura sotto la soglia raccomandata dall’Organizzazione mondiale della sanità. Dati allarmanti a Bolzano, dove la soglia è inferiore all’83 per cento.

Vaccini copertura morbillo: Com’è la situazione per le altre vaccinazioni?

Da segnalare è l’aumento delle coperture per i vaccini per i quali non c’è l’obbligo.

+0,73% per l’anti-pneumococcica, che passa dal 90,9% nel 2017 al 91,6% nel 2018. Cresce del +2,3% quella anti-meningococcica, arrivata a 84,9% nel 2018 rispetto a 82,6% nel 2017.

I dati rilasciati dal ministero della salute saranno confrontati con quelli raccolti tramite l’Anagrafe nazionale vaccini, istituita ad aprile 2019.

La ministra della Salute Giulia Grillo si è detta soddisfatta del fatto che siano migliorate le coperture dei vaccini e dei recuperi dei cosiddetti “inadempienti” (quelli che nell’anno precedente si erano sottratti all’obbligo).

Ma, ha aggiunto la ministra, “è necessario proseguire l’impegno, in termini di miglioramento dell’offerta e dell’accesso ai servizi”, così come “la capacità di rispondere alle istanze dei cittadini per dissolvere i dubbi sulla efficacia e sicurezza dei vaccini e sull’utilità e opportunità delle vaccinazioni”.

Positivo il trend delle coperture vaccinali a 36 mesi e a 48 mesi, l’anti-polio (contenuta nell’esavalente) passa da 93,3% a 96% e l’anti-morbillo (contenuta nel trivalente) da 87,3% a 94,9%, con un aumento del +2,68% e del +7,67%.

Leggi anche: Le dieci bufale più diffuse sui vaccini
Ti potrebbe interessare
Salute / Sintomi, contagiosità e diffusione: ecco cosa sappiamo sul vaiolo delle scimmie
Salute / L’amore scodinzola in reparto
Salute / Rischio salmonella, richiamati nuovi prodotti Kinder dai supermercati
Ti potrebbe interessare
Salute / Sintomi, contagiosità e diffusione: ecco cosa sappiamo sul vaiolo delle scimmie
Salute / L’amore scodinzola in reparto
Salute / Rischio salmonella, richiamati nuovi prodotti Kinder dai supermercati
Salute / L’acetone, scopriamo cause, rimedi e sintomi
Salute / Pillola del giorno dopo, tutto quello che c’è da sapere
Esteri / Guerra e malattie: come il conflitto rischia di aumentare la diffusione di HIV e tubercolosi in Ucraina
Salute / Il kit CoronaMeltVAR Real-Time PCR di Menarini Diagnostics rileva la variante Omicron di SARS CoV-
Salute / Strappato alla morte con un duplice trapianto
Salute / Visita ortopedica a Roma, come prendersi cura del sistema muscolo-scheletrico
Ambiente / Palma da olio: okay con una filiera sostenibile