Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:43
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

La dieta del sesso spopola in vista della prova costume

Immagine di copertina

Dimagrire divertendosi a letto. Non è semplice come sembra. Quali sono le regole da seguire?

Il peso forma è l’ossessione del secolo. Esistono le diete Dukan e quelle Detox. Quelle rigidamente decise dal dietologo e quelle un po’ più rischiose, perché fatte in casa. Poi c’è la dieta del sesso. Avete capito bene, si dimagrisce facendo l’amore.

È una modalità piacevole per perdere chili senza troppe privazioni, che si è trasformata in una tendenza completamente nuova. Sostenuta da nutrizionisti e personal trainer, a prima vista non sembra niente male. Non è però un gioco: non mancano, anche in questo caso, numerose regole da seguire.

A indicare i punti da seguire sia a tavola che a letto è Kerry McCloskey, autrice del libro “The ultimate sex diet”. Ovviamente non è uno schema alimentare di per sé, va abbinato a un’alimentazione sana e varia. Ladieta del sesso non si basa esclusivamente sul dispendio calorico che può necessitare l’attività fisica in essere, bensì su tutta una serie di benefici che tale contesto può fornire.

Questa pratica sta talmente spopolando che anche i vip la seguono. Tra i seguaci più agguerriti si evincono anche diverse celebrità femminili, tra le quali Kim Kardashian e Cameron Diaz.

La guru McClosey incoraggia a fare sesso dalle tre alle cinque volte alla settimana, per raddoppiare però nel weekend. Questo perché l’attività erotica consente di bruciare dalle 150 alle 250 calorie nelle posizioni sdraiate e fino a 600 in quelle in piedi.

Da solo anche il sesso non può tutto: l’autrice del libro rivelazione dell’anno raccomanda di unire all’attività sessuale almeno 30 minuti di attività cardio, tre o quattro volte alla settimana: questo perché camminare, fare jogging o nuotare hanno il doppio vantaggio di rafforzare il corpo e la relazione con il partner.

Ciò che comunque rende assolutamente unica la dieta del sesso definitiva sono i 14 esercizi sexy creati proprio da McCloskey. Si tratta di alcune posizioni sessuali in grado di coinvolgere la maggior parte dei muscoli del corpo, dunque pensati per far bruciare più calorie soprattutto durante i preliminari. Andrebbero svolti tre o quattro volte ogni sette giorni.

Ma nel menù, l’esperta suggerisce anche cibi che aiutino la coppia nell’intimità e che, quindi, aumentino il desiderio sessuale, alimenti afrodiasiaci: dal cioccolato alle fragole.

Come è bello far l’amore da Trieste in giù… Da oggi anche per dimagrire.

> LEGGI ANCHE: Come perdere peso velocemente

Ti potrebbe interessare
Salute / Tornano le domeniche di prevenzione di Nonno Ascoltami! nelle piazze italiane
Salute / “I vaccini non generano varianti virali”, la Federazione italiana dei medici sfata la fake news
Salute / Allarme di Alessandro Berti: “Chiediamo inclusione sociale, rispetto della persona”
Ti potrebbe interessare
Salute / Tornano le domeniche di prevenzione di Nonno Ascoltami! nelle piazze italiane
Salute / “I vaccini non generano varianti virali”, la Federazione italiana dei medici sfata la fake news
Salute / Allarme di Alessandro Berti: “Chiediamo inclusione sociale, rispetto della persona”
Salute / Scopri le grandi proprietà dell’avocado per la tua pelle
Cucina / Il caffè: un beneficio in tazza
Salute / Menzietti (ANA): “Il modello italiano di prevenzione per ipoacusici è un’eccellenza, deve restare tale”
Salute / “Ecco quali sono i benefici secondari di Pfizer e Moderna”: lo studio Usa
Salute / Il paradosso dei dispositivi medici ‘su misura’ per persone con disabilità
Cronaca / Rimosse due vertebre, raddrizzata schiena curva di 100 gradi: l’intervento senza precedenti a Bologna
Salute / Ascolta e impara. Le nuove frontiere delle protesi acustiche