Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

Beve due lattine di bibite gassate ogni giorno: il braccio gli marcisce invaso dal pus

Immagine di copertina

Non ha smesso nemmeno quando gli hanno diagnosticato il diabete

Beve troppe bibite gassate e zuccherate, il braccio gli marcisce

Immagini scioccanti mostrano come il braccio di un uomo che beve almeno due bibite gassate e zuccherate al giorno sia quasi marcito. I medici gli hanno riscontrato un diabete grave e con un intervento chirurgico d’urgenza sono riusciti a salvargli l’arto.

L’uomo, Mohd Razin Mohamed, 56 anni, di Bukit Sentosa nella città di Rawang in Malesia, ha raccontato ai medici che ogni giorno viaggia per andare a lavorare nella capitale Kuala Lumpur. I suoi uffici si trovavano vicino alla Moschea Masjid Jamek. Ha ammesso: “Bevo così tante bevande zuccherate che in tre occasioni sono anche svenuto al lavoro”.

In ospedale, ha rivelato che non ha mai bevuto meno di due lattine di bibite gassate e zuccherate al giorno e spesso di più. Non ha smesso nemmeno quando gli è stato detto che aveva il diabete.

Un giorno ha cominciato ad avvertire un calore alla schiena e si è accorto di avere qualcosa che non andava alla pelle. La situazione peggiorava sempre di più fino a quando l’area dell’epidermide malconcia era diventata grande quanto una mano. Quando si è recato in ospedale, a Sungai Buloh, nella città di Selangor in Malesia, i medici potevano vedere l’osso sottostante.

Operato d’urgenza, gli hanno rimosso la pelle che era stata infettata e il pus in ebollizione che gli creava la sensazione di calore. I medici hanno confermato che l’ex ingegnere delle telecomunicazioni non avrebbe perso il braccio, grazie agli innesti di pelle, ma non è più in grado di lavorare perché non può più spostare correttamente l’arto.  L’uomo ha anche mal di schiena causato dal fatto che la pelle è più stretta da un lato rispetto all’altro.

La terapia prevede una grosse dose di antibiotici. Parte del trattamento prevede anche medicinali in grado di regolare il contenuto di zucchero del suo corpo e ha promesso ai medici di ridurre la quantità di roba dolce  e di bibite gassate e zuccherate che consuma in modo che i suoi problemi non si ripresentino.

“Non posso avere rimpienti – ha detto Mohd Razin Mohamed – Alla fine, sono io che mi sono fatto questo con l’abuso di zucchero”.

Nuova tassa su merendine e bibite gassate? Giusto, finalmente si torna a parlare di politica (di L. Telese)

Ti potrebbe interessare
Salute / I cani allungano la vita ai loro compagni
Salute / Vincenzo Falabella, presidente FISH Onlus ““Le paralimpiadi insegnino alla politica che questo Paese deve diventare accessibile”
Salute / Tornano le domeniche di prevenzione di Nonno Ascoltami! nelle piazze italiane
Ti potrebbe interessare
Salute / I cani allungano la vita ai loro compagni
Salute / Vincenzo Falabella, presidente FISH Onlus ““Le paralimpiadi insegnino alla politica che questo Paese deve diventare accessibile”
Salute / Tornano le domeniche di prevenzione di Nonno Ascoltami! nelle piazze italiane
Salute / “I vaccini non generano varianti virali”, la Federazione italiana dei medici sfata la fake news
Salute / Allarme di Alessandro Berti: “Chiediamo inclusione sociale, rispetto della persona”
Salute / Scopri le grandi proprietà dell’avocado per la tua pelle
Cucina / Il caffè: un beneficio in tazza
Salute / Menzietti (ANA): “Il modello italiano di prevenzione per ipoacusici è un’eccellenza, deve restare tale”
Salute / “Ecco quali sono i benefici secondari di Pfizer e Moderna”: lo studio Usa
Salute / Il paradosso dei dispositivi medici ‘su misura’ per persone con disabilità