Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

Svegliarsi alle 5 di mattina può sconvolgerti la giornata. In meglio

Immagine di copertina
Credit: AFP

"Dopo anni trascorsi a dormire fino a tardi, svegliarmi alle 5 di mattina mi ha cambiato la vita"

I benefici di svegliarsi alle 5 di mattina

Svegliarsi presto non è per tutti, ma un nuovo libro spiega gli incredibili benefici.

Lo racconta Susie Moore, life coach statunitense che per due settimane ha messo in pratica gli insegnamenti della nuova guida di Robin Sharma, Il Club delle 5 di mattina.

“Il mio tipico orario di risveglio è stato tra le 8:00 e le 8:30 da quando ho iniziato a lavorare in proprio a tempo pieno nel 2014” dice Moore.

Ispirata dall’esempio di grandi leader, Moore e il marito hanno deciso di sconvolgere la propria routine, e anticipare la sveglia di 3 ore.

“Siamo nella seconda settimana di sveglia alle 5 del mattino – e abbiamo già notato alcuni rapidi cambiamenti”, dice Moore, e sottolinea come alzarsi all’alba sia un perfetto esercizio di autocontrollo, e possa influire su molte aree della vita quotidiana.

“Ora guardo le mie cose da fare e mi sento rilassata perché, ehi, sono sveglia alle 5 del mattino ogni giorno – c’è un sacco di tempo!”.

Ma alzarsi presto richiede anche di andare a dormire a un orario giusto. Il Club delle 5 di mattina suggerisce di andare a letto alle 9:30.

“Poiché il mio obiettivo è andare a letto alle 9:30 – Sharma crede che il sonno sia essenziale – non resto fuori fino a tardi e non esagero perché non voglio essere stanca il giorno dopo. Mi ci sono volute due o tre notti per aggiustarmi al nuovo orario, ma lo amo alla follia”.

Un risveglio anticipato favorisce inoltre maggiore concentrazione, che si traduce in maggiore capacità creativa.

“Applicare il ‘Metodo 60/10’ di Sharma – lavorando per 60 minuti di fila senza interruzioni, seguiti da un recupero di 10 minuti sotto forma di una veloce camminata o bere del tè seduta sul divano – mi ha aiutato a completare i miei progetti più velocemente”.

Infine, svegliarsi prima e applicare la “Formula 20/20/20” – 20 minuti di attività, 20 minuti di meditazione e 20 minuti per la crescita personale – aiuta a impostare gli obiettivi in maniera chiara e senza distrazioni.

“C’è anche qualcosa nell’alba che ti fa sentire un legame più profondo con te stesso – nessuno ti sta chiamando in quel momento. La maggior parte del mondo è ancora a letto”.

L’infallibile metodo dei Marines per addormentarsi in due minuti

Ti potrebbe interessare
Salute / I cani allungano la vita ai loro compagni
Salute / Vincenzo Falabella, presidente FISH Onlus ““Le paralimpiadi insegnino alla politica che questo Paese deve diventare accessibile”
Salute / Tornano le domeniche di prevenzione di Nonno Ascoltami! nelle piazze italiane
Ti potrebbe interessare
Salute / I cani allungano la vita ai loro compagni
Salute / Vincenzo Falabella, presidente FISH Onlus ““Le paralimpiadi insegnino alla politica che questo Paese deve diventare accessibile”
Salute / Tornano le domeniche di prevenzione di Nonno Ascoltami! nelle piazze italiane
Salute / “I vaccini non generano varianti virali”, la Federazione italiana dei medici sfata la fake news
Salute / Allarme di Alessandro Berti: “Chiediamo inclusione sociale, rispetto della persona”
Salute / Scopri le grandi proprietà dell’avocado per la tua pelle
Cucina / Il caffè: un beneficio in tazza
Salute / Menzietti (ANA): “Il modello italiano di prevenzione per ipoacusici è un’eccellenza, deve restare tale”
Salute / “Ecco quali sono i benefici secondari di Pfizer e Moderna”: lo studio Usa
Salute / Il paradosso dei dispositivi medici ‘su misura’ per persone con disabilità