Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:09
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Salute

Da oggi in Italia si è considerati anziani a 75 anni

Immagine di copertina

In Italia l’età in cui si è considerati anziani sale a 75 anni. A stabilirlo è il Congresso nazionale della Società italiana di gerontologia e geriatria che si è tenuto a Roma il 30 novembre 2018.

“Un 65enne di oggi ha la forma fisica e cognitiva di un 40-45enne di 30 anni fa. E un 75enne quella di un individuo che aveva 55 anni nel 1980”, spiega Niccolò Marchionni, professore ordinario dell’Università di Firenze e direttore del dipartimento cardiovascolare dell’Ospedale Careggi.

Secondo la ricerca “Generazione 55 special”, condotta da Ipsos su 6mila persone in Italia, nove anziani su dieci è in buone condizioni. Di questi, la metà sono autonomi fino a 80 anni.

Un dato interessante riguarda l’autonomia: il 48 per cento delle persone tra i 75 e gli 84 anni è indipendente.

Oltre 6 anziani su 10 si occupano inoltre regolarmente dei propri nipoti. Per il 57 per cento delle persone, il “mestiere” di nonno è un vero e proprio lavoro a tempo pieno.

“Rispetto agli altri Paesi gli italiani dedicano più tempo ai rapporti familiari e sociali, e sono un pilastro della società”, spiega il geriatra Roberto Bernabei, Presidente di Italia Longeva.

Gli anziani italiani sono inoltre pieni di interessi e coltivano le relazioni sociali: il 28 per cento va al cinema, il 13 per centro a teatro e il 76 per cento ascolta musica. Dalla ricerca emerge inoltre che gli anziani sono poco sedentari: il 76 per cento di loro passeggia regolarmente al parco.

Quasi 8 anziani su 10 frequentano regolarmente i propri parenti, e oltre 4 su 10 vedono gli amici almeno una volta alla settimana.

In generale, la salute è buona per la quasi totalità degli anziani: 9 su 10 affermano di essere in condizioni buone o soddisfacenti. Il 33 per cento di loro fa regolare esercizio fisico.

Se da una parte le condizioni sociali e di salute sono buoni, dall’altra non mancano le paure: il 63 per cento è preoccupato per il proprio futuro, il 52 per cento teme la perdita di memoria, mentre il decadimento fisico è una paura per il 40 per cento delle persone.

Tra i disturbi più frequenti troviamo l’ipertensione (39%), colesterolo (32%) e problemi di udito (17%).

Ti potrebbe interessare
Salute / Covid, Pregliasco: “Fragili e anziani devono fare subito la quarta dose. Inutile aspettare l’autunno”
Salute / Lo stretto legame tra PCOS e sindrome metabolica
Salute / Con Voi: l’assistenza domiciliare a casa tua
Ti potrebbe interessare
Salute / Covid, Pregliasco: “Fragili e anziani devono fare subito la quarta dose. Inutile aspettare l’autunno”
Salute / Lo stretto legame tra PCOS e sindrome metabolica
Salute / Con Voi: l’assistenza domiciliare a casa tua
Salute / Col prosciutto negli occhi e i figli obesi
Salute / Sintomi, contagiosità e diffusione: ecco cosa sappiamo sul vaiolo delle scimmie
Salute / L’amore scodinzola in reparto
Salute / Rischio salmonella, richiamati nuovi prodotti Kinder dai supermercati
Salute / L’acetone, scopriamo cause, rimedi e sintomi
Salute / Pillola del giorno dopo, tutto quello che c’è da sapere
Esteri / Guerra e malattie: come il conflitto rischia di aumentare la diffusione di HIV e tubercolosi in Ucraina