Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Zingaretti: “Basta con la solita sinistra elitaria e radical chic che vuole dare lezioni a tutti: hanno lasciato solo macerie”

Immagine di copertina
Il segretario del Pd Nicola Zingaretti, durante una conferenza stampa al Nazareno sui risultati dei ballottaggi, Roma, 5 ottobre 2020. Credit: ANSA/ALESSANDRO DI MEO

“Ho letto su Repubblica una pagina di Concita De Gregorio, purtroppo ho visto solo l’eterno ritorno di una sinistra elitaria e radical chic che vuole sempre dare lezioni a tutti ma a noi ha lasciato macerie sulle quali stiamo ricostruendo”. A scriverlo, in un post molto duro su Facebook, è il segretario del Pd Nicola Zingaretti.

“Chi fa un comizio in diretta dopo le consultazione al Quirinale è un esempio, chi rispetta quel luogo una nullità. La prossima volta mi porto una chitarra”, prosegue il post del leader dem. “Che degrado. Ma ce la faremo anche questa volta”, conclude Zingaretti.

Il riferimento è a un articolo pubblicato oggi su Repubblica e firmato da Concita De Gregorio, intitolato “La sinistra timida nel Pd pilotato dagli eredi della Dc”. La giornalista descrive nel suo pezzo Zingaretti come esitante, scarno. “Fra i quattro minuti del discorsetto di Zingaretti e i ventisette del soliloquio di Renzi, nel salone delle Feste al Quirinale, a fine consultazioni, ci sono gli abissi di un futuro incognito”, scrive De Gregorio.

Dopo un riferimento alla destra “empatica” e “che parla alla pancia”, di Giorgia Meloni, viene citato nuovamente “Renzi, che ha fatto cadere il governo Conte 2 e lo ha disfatto, ha in mano il pallino della crisi: parla a braccio, gigioneggia come sempre, governa la conferenza stampa come fosse il conduttore di un talk show”. “Zingaretti”, scrive la giornalista, “galleggia come un sughero, la natura non gli ha dato lo spunto della punta, il pallone deve darlo a chi finalizza il gioco”.

Leggi anche: 1. Conflitto d’interenzi (di Giulio Gambino) /2. Crisi di governo, da oggi pomeriggio al via le consultazioni di Fico

Ti potrebbe interessare
Politica / Con Meloni più voli di Stato: la classifica dei ministri che ne usano di più
Politica / Sardegna, terminato lo scrutinio: per Todde 1.600 voti di vantaggio
Opinioni / I populisti cavalcano il malessere delle persone, ma non hanno soluzioni. Ecco come fermarli (di N. Zingaretti)
Ti potrebbe interessare
Politica / Con Meloni più voli di Stato: la classifica dei ministri che ne usano di più
Politica / Sardegna, terminato lo scrutinio: per Todde 1.600 voti di vantaggio
Opinioni / I populisti cavalcano il malessere delle persone, ma non hanno soluzioni. Ecco come fermarli (di N. Zingaretti)
Politica / L’annuncio di Meloni: “Chico Forti sarà trasferito in Italia”
Politica / Vannacci: “In tv troppi gay, cerco di orientare le mie figlie verso l’eterosessualità”
Politica / Scuola, percorsi differenziati per gli alunni stranieri: il piano di Valditara scatena le polemiche
Politica / Veronica Lario: “Miliardaria? Il Tribunale mi ha tolto tutto. Io passata da velina ingrata”
Politica / Scontri a Pisa, Piantedosi: “Le cariche fatte per garantire l’incolumità degli agenti. Corteo violava la legge”
Politica / Schlein: “Meloni si può battere, ora vogliamo l’Abruzzo”
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale