Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Stragi, Mario Draghi toglie il segreto su Gladio e sulla P2

Immagine di copertina

Mario Draghi ha tolto il segreto su tutti gli atti relativi all’organizzazione Gladio, parte della galassia Stay Behind parallela alla Nato, e alla loggia massonica P2 guidata da Licio Gelli. L’annuncio arriva da Palazzo Chigi, secondo cui il Presidente del Consiglio ha siglato una Direttiva che dispone la declassifica ed il versamento anticipato all’Archivio centrale dello Stato della relativa documentazione.

L’iniziativa, adottata proprio nel giorno in cui ricorre il 41esimo anniversario della strage di Bologna – uno dei grandi misteri della Repubblica Italiana – amplia quanto già previsto dalla direttiva firmata dall’allora premier Matteo Renzi il 22 aprile del 2014.

Allora fu tolto il segreto sulla documentazione relativa alle stragi di Piazza Fontana a Milano (1969), di Gioia Tauro (1970), di Peteano (1972), della Questura di Milano (1973), di Piazza della Loggia a Brescia (1974), dell’Italicus (1974), di Ustica (1980), della Stazione di Bologna (1980) e del Rapido 904 (1984) conservata negli archivi degli organismi di intelligence e delle amministrazioni centrali dello Stato, in applicazione della legge n. 124/2007 che riconosce “gli archivi dell’intelligence come patrimonio a disposizione degli studiosi, del mondo dell’informazione e di tutti i cittadini”.

Il provvedimento firmato da Renzi aveva però lasciato fuori proprio i documenti relativi all’organizzazione Gladio e alla loggia massonica deviata P2. La direttiva firmata da Mario Draghi va invece incontro alla richiesta dei familiari delle vittime delle stragi e alle associazioni, che già al Governo di Giuseppe Conte avevano strappato la promessa di “una nuova Direttiva, sulla scia di quella predisposta nel 2014, incentrata sulla documentazione relativa alla P2 e Gladio“.

L’idea era poi sfumata insieme all’esperienza del governo giallorosa. Dopo la crisi del Conte-bis e l’arrivo di Draghi a Palazzo Chigi, le associazioni si erano nuovamente appellate al presidente del Consiglio e a Franco Gabrielli, autorità delegata per la sicurezza della Repubblica, perché togliessero il segreto sulle due organizzazioni al centro di una serie di drammatici episodi che hanno segnato la storia recente d’Italia.

Ti potrebbe interessare
Politica / Maurizio Costanzo scende in campo. Vota Raggi ma fa il tifo per Zingaretti
Politica / Dopo lo scoop di TPI, Michetti minimizza. Ma portò lui quei voti a Gualtieri
Politica / Il presidente dell’Inps Tridico propone il riscatto gratuito della laurea e il salario minimo
Ti potrebbe interessare
Politica / Maurizio Costanzo scende in campo. Vota Raggi ma fa il tifo per Zingaretti
Politica / Dopo lo scoop di TPI, Michetti minimizza. Ma portò lui quei voti a Gualtieri
Politica / Il presidente dell’Inps Tridico propone il riscatto gratuito della laurea e il salario minimo
Politica / Renzi: “Da anni mi danno per morto, ma sono sempre qui”
Politica / Fine dello smart working per i dipendenti statali: dal 15 ottobre si torna in ufficio
Politica / Retroscena TPI: Zingaretti tentato dal seggio alla Camera se Gualtieri diventa sindaco
Politica / Così i referendum possono diventare una miniera d’oro per i partiti e le associazioni che li promuovono
Politica / Elezioni Amministrative Bologna 2021, la guida: candidati, legge elettorale, data. Tutto quello che c’è da sapere sulle comunali
Politica / Elezioni Amministrative Milano 2021, la guida: candidati, legge elettorale, data. Tutto quello che c’è da sapere sulle comunali
Politica / Roma: il programma elettorale di Michetti copiato da Alemanno, Meloni e anche Draghi