Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Scontro interno nel M5S, Patuanelli minaccia le dimissioni da ministro

Immagine di copertina

Scontro interno nel M5S, Patuanelli minaccia le dimissioni da ministro

Dopo l’assemblea di martedì scorso del Movimento 5 stelle il ministro delle Politiche Agricole Stefano Patuanelli ha minacciato le dimissioni. Lo riporta l’Adnkronos. Il motivo dello scontro sarebbero state le modifiche ai criteri per la distribuzione del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (Fesr), che per almeno 60 parlamentari penstastellati penalizzerebbero le Regioni meridionali.

I fondi ammontano a sei miliardi da spartire tra Regioni e Province autonome nell’arco del prossimo biennio. Ma per i detrattori del Ministro il pericolo di redistribuire le risorse è quello di perdere un importante bacino di voti in quelle Regioni dove il partito, sempre più in difficoltà nei sondaggi e sulla scelta dei candidati alle elezioni amministrative, potrebbe ancora guadagnare consenso, come la Sicilia e la Puglia. “Si spostano solo 110 milioni rispetto allo schema precedente, e non andranno tutti al Nord“, ha chiarito Patuanelli. Ma non tutti hanno accettato le sue spiegazioni. Tra i grillini che sono andati all’attacco del Ministro, Giulia Grillo e Carla Ruocco. “Il governo e i suoi membri ottengono la fiducia in aula, ma la fiducia si può anche togliere”, avrebbero dichiarato la ex Ministra e la deputata.

“Se questa è la situazione ne traggo le conseguenze”, ha risposto Patuanelli, per poi annunciare nella chat dei senatori di star valutando le dimissioni. Una reazione a caldo che difficilmente si concretizzerà, ma un’ennesima ferita nel già lacerato Movimento, bloccato dallo scontro tra Conte e Casaleggio sui dati della piattaforma Rousseau e dalla incerta leadership dell’ex premier, mentre all’interno dell’esecutivo i pentastellati faticano a farsi sentire. “Nel governo Draghi stanno sempre più scomodi”, sottolinea il quotidiano diretto da Marco Travaglio. “Credo che tra fine maggio e i primi di giugno voteremo Conte come nuova guida” ha dichiarato a Porta a Porta il ministro Federico D’Incà. Ma la sua popolarità potrebbe presto svanire.

 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Letta: “Se il successore di Mattarella non sarà eletto a larga maggioranza, il governo cadrà”
Politica / Io, portavoce di Di Maio e marito del viceministro Castelli. “Se mia moglie e Luigi litigano… scelgo Di Maio”
Politica / Europa, naufraga il progetto del partito sovranista di Salvini: una vittoria per Meloni
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Letta: “Se il successore di Mattarella non sarà eletto a larga maggioranza, il governo cadrà”
Politica / Io, portavoce di Di Maio e marito del viceministro Castelli. “Se mia moglie e Luigi litigano… scelgo Di Maio”
Politica / Europa, naufraga il progetto del partito sovranista di Salvini: una vittoria per Meloni
Politica / Il Cnr assumerà tutti i 400 ricercatori precari che rischiavano il posto: “Risultato di una battaglia comune”
Politica / “Un giovane sano che si vaccina è un servo e va escluso dalla vita sessuale”: il post del consigliere leghista
Politica / Rincari bollette, Giorgetti: “Rischio black out energetico”
Politica / Svolta storica per il M5S, vince il sì al 2×1000. Conte: “È il principio della democrazia diretta”
Politica / “Vietato dire Natale”: l’Ue fa retromarcia sul linguaggio inclusivo
Cronaca / Bollette, Draghi annuncia nuovi interventi contro i rincari: “Aiuti a famiglie più povere”
Cronaca / Luca Morisi, la procura chiede l’archiviazione dopo l’indagine sulla serata con droga ed escort