Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Conte contro il vitalizio a Formigoni: “Un errore, i partiti se ne assumano responsabilità”

Immagine di copertina

Restituire il vitalizio all’ex senatore Roberto Formigoni, condannato per corruzione, “è una decisione che considero erronea”. È il pensiero dell’ex premier Giuseppe Conte, secondo il quale questo provvedimento “trasmette un messaggio profondamente negativo per i cittadini, perché mina il delicatissimo rapporto di ‘fiducia’ con le istituzioni, tanto più in questo momento” di difficoltà per gli effetti della pandemia.

La dura presa di posizione dell’ex premier è arrivata a poche ore dal verdetto dell’organismo parlamentare e di fatto apre una crepa netta nella maggioranza che regge il governo Draghi. Il Consiglio di garanzia del Senato ha confermato con tre voti favorevoli e due contrari la decisione assunta in precedenza dalla Commissione contenziosa di restituire il vitalizio ai condannati in via definitiva, tra cui Formigoni.

“Il Consiglio di Garanzia ha confermato la decisione di primo grado di restituire il vitalizio a un ex senatore condannato per corruzione – ha scritto l’ex capo del governo sul suo profilo Facebook – È una decisione che considero erronea, che trasmette un messaggio profondamente negativo per i cittadini, perché mina il delicatissimo rapporto di “fiducia” con le istituzioni, tanto più in questo momento: il Paese – ha sottolineato il leader del M5s – sta faticosamente cercando di superare una drammatica pandemia, che ha fiaccato e messo in ginocchio moltissime attività economiche e creato difficoltà a tantissimi cittadini”.

“Ritengo necessario che gli esponenti e le forze politiche che hanno preso questa decisione se ne assumano pubblicamente la responsabilità, attraverso una discussione trasparente e condivisa”, prosegue Conte. “Siamo certi che le altre forze politiche nulla avranno da obiettare e potranno spiegare agli italiani le motivazioni delle decisioni assunte. Quanto al Movimento 5 Stelle, una cosa deve essere estremamente chiara: ricorreremo a qualsiasi strumento possibile perché questa decisione sia riconsiderata e, in generale, affinché la polemica sul vitalizio ai parlamentari, tanto più se condannati, resti solo un ricordo del passato”.

Sulla stessa linea anche Luigi Di Maio, che ha definito “riprovevole” la decisione di Lega e Forza Italia, che di fatto “hanno assecondato il superamento della delibera che impediva ai condannati per reati gravi di percepire il vitalizio.

Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi contro tutti: non si fida di Letta e Salvini, e con Conte è gelo totale
Politica / Ddl Zan, Draghi: “Il nostro è uno Stato laico, rispettiamo il Concordato. Parlamento libero”
Politica / Don Biancalani a TPI: “Ddl Zan serve, il Concordato? Chiediamocelo”
Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi contro tutti: non si fida di Letta e Salvini, e con Conte è gelo totale
Politica / Ddl Zan, Draghi: “Il nostro è uno Stato laico, rispettiamo il Concordato. Parlamento libero”
Politica / Don Biancalani a TPI: “Ddl Zan serve, il Concordato? Chiediamocelo”
Politica / Congedo di paternità, la proposta del Pd: “Portarlo da 10 giorni a 3 mesi”
Politica / Fico risponde al Vaticano sul ddl Zan: “Il Parlamento è sovrano e non accettiamo ingerenze”
Opinioni / Draghi irritato con Conte dopo le parole dell’ex premier sul Recovery: ormai tra i due è “guerra fredda”
Politica / Draghi in parlamento: "La fiducia sta tornando, ripresa sarà sostenuta"
Politica / Orfini al TPI Fest: “A Tor Bella Monaca Letta ha fatto una passerella”
Opinioni / Anziché intromettersi sul ddl Zan il Vaticano pensi ai reati sessuali dei preti
Politica / L'Ue approva il Recovery dell'Italia, Von der Leyen: "Piano ambizioso". Draghi: "Ora spendere bene e con onestà"