Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Siria, Salvini: “Stop soldi alla Turchia, non siamo complici di Erdogan”

Immagine di copertina

Il leader della Lega contro l'offensiva della Turchia scattata mercoledì nel Nord-Est della Siria contro i curdi, ritenuti da Ankara "terroristi"

Salvini: stop soldi alla Turchia, non siamo complici di Erdogan

“Sospendere immediatamente ogni forma di finanziamento, italiano ed europeo, alla Turchia”. Il leader della Lega, Matteo Salvini, interviene duramente sull’offensiva della Turchia scattata mercoledì nel Nord-Est della Siria contro i curdi, ritenuti da Ankara “terroristi”. “Noi, a differenza di Conte e Di Maio, non vogliamo essere complici delle stragi di Erdogan”, ha detto Salvini, riferendosi alle posizioni che attribuisce al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al ministro degli Esteri Luigi Di Maio, suoi ex alleati.

Una risposta, seppur indirettamente, arriva dalla viceministra per gli Affari europei francese, Amelie de Montchalin. “La possibilità di imporre sanzioni alla Turchia è sul tavolo e l’Ue ne discuterà al Consiglio europeo della settimana prossima”, ha detto ai microfoni di France Inter. La de Montchalin ha aggiunto che “non si può rimanere impotenti di fronte a una situazione scioccante per i civili, per le forze siriane per 5 anni al fianco della coalizione anti-Isis, ma soprattutto per la stabilità della regione”.

Intanto, l’Italia ha convocato l’ambasciatore turco per esprimergli la più ferma condanna per l’attacco contro i curdi siriani e definisce “inaccettabili” le minacce di Ankara sui profughi. Il premier Giuseppe Conte non usa mezzi termini: le parole del presidente Recep Tayyip Erdogan, pronto a spedire in Europa oltre tre milioni e mezzo di profughi se Bruxelles si metterà di traverso, sono un vero e proprio “ricatto”.

“Non possiamo accettare che ci possa essere un ricatto tra l’accoglienza fornita dalla Turchia” ai rifugiati, “meritevole ma con fondi europei, e l’offensiva in Siria”, ha detto Conte.

“Il fatto che ci siano rapporti commerciali con la Turchia, e che faccia parte della Nato, non sono elementi che possono in questo momento rendere accettabile un intervento militare”, ha aggiunto Conte, intervenuto telefonicamente a Piazza Pulita, su La7.

Dello stesso parere anche il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. “Sull’operazione lanciata dalla Turchia in Siria “condanniamo con forza ogni tipo di intervento militare perché rischia di pregiudicare gli sforzi della coalizione anti Isis. La soluzione della crisi siriana non può passare attraverso l’uso delle armi, ma attraverso dialogo e diplomazia. Il popolo siriano ha già sofferto abbastanza”, ha detto in un’intervista Repubblica.

L’ambasciatore turco: “Delusi e scioccati dall’Italia”

“Siamo scioccati e delusi dalle dichiarazioni del governo italiano”, perché “non è ciò che ci aspettiamo da un alleato” e “lo siamo egualmente per altri Paesi alleati”. Lo ha detto l’ambasciatore di Turchia in Italia, Murat Salim Esenli, in conferenza stampa all’ambasciata a Roma. “L’Italia per noi è un partner strategico e per questo abbiamo aspettative e abbiamo consultazioni politiche regolari, a livello ministeriale e di segretari generali”, ha spiegato.

“Spero che il governo dell’Italia, ad alti livelli, capisca da dove veniamo” e “perché stiamo facendo quest’operazione”.

QUI tutti gli aggiornamenti sull’offensiva della Turchia in Siria LIVE

Ti potrebbe interessare
Politica / Maurizio Landini a TPI: “Oggi la nostra piazza sarà più forte di loro, scendete insieme a noi”
Politica / Via libera del Cdm al Dl fisco, il governo si spacca sul reddito di cittadinanza
Politica / Il candidato romano di Meloni a Tor bella monaca che non rinnega "camicia nera e saluto romano"
Ti potrebbe interessare
Politica / Maurizio Landini a TPI: “Oggi la nostra piazza sarà più forte di loro, scendete insieme a noi”
Politica / Via libera del Cdm al Dl fisco, il governo si spacca sul reddito di cittadinanza
Politica / Il candidato romano di Meloni a Tor bella monaca che non rinnega "camicia nera e saluto romano"
Politica / Indiscreto: Merkel offre a Draghi lo scettro d’Europa
Politica / L’ultimo volo di Alitalia, il sindaco di Fiumicino al gate: “Ita non ha visione e nessuno pensa ai lavoratori dell’indotto”
Politica / Chi flirta col Ventennio: ecco chi sono i nostalgici imbucati tra Lega e Fratelli d’Italia
Cronaca / Scontro Salvini-Letta sul Green Pass: “Semplificare vita ai non vaccinati”. Il leader Pd: “Non cedere su regole”
Politica / Draghi irritato con Lamorgese per la circolare sui tamponi gratis ai portuali di Trieste
Cronaca / Scontri a Roma, Lamorgese: “Nessun arresto per evitare rischi”. Meloni attacca: “È strategia della tensione”
Politica / Salvini incontra Draghi: “Sono preoccupato per il Paese, deve guidare la pacificazione nazionale”