Salvini risponde ai Cinque Stelle: “Basta attacchi, tappatevi la bocca”

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 5 Mag. 2019 alle 19:12
0
Immagine di copertina
Matteo Salvini. Credit: Afp/Mauro Ujetto/NurPhoto

Il vicepremier leghista Matteo Salvini risponde duramente agli attacchi ricevuti in giornata dal Movimento Cinque Stelle sul caso Siri.

“Gli amici dell’M5s pesino le parole. Se dall’opposizione insulti e critiche sono ovvie, da chi dovrebbe essere alleato no”, ha dichiarato il leader della Lega durante un comizio a Roma.

“La mia parola è una e questo governo va avanti cinque anni, basta che la smettano di chiacchierare. Mi dicono ‘tiri fuori le palle’? Ricevo buste con proiettili per il mio impegno contro la mafia. A chi mi attacca dico tappatevi la bocca, lavorate e smettete di minacciare il prossimo. È l’ultimo avviso”, ha aggiunto Salvini.

Caso Siri: il riassunto

Poche ore prima sul blog delle Stelle era stato pubblicato un articolo in cui si leggeva: “Sulla questione morale il M5S non fa passi indietro e alla Lega chiediamo di non cambiare sempre discorso, ma di tirare fuori le palle su Siri e farlo dimettere”.

E ancora: “Salvini dovrebbe mostrare più coraggio e maggiore coerenza visto che in occasione delle dimissioni della sottosegretaria ai Trasporti Simona Vicari, perché indagata per concorso in corruzione, diceva: ‘Le dimissioni del sottosegretario non mi soddisfano. Non basta chiedere scusa e dimettersi'”.

Lo stesso capo politico M5S, Luigi Di Maio, aveva rincarato la dose, intervistato in tv durante il programma Mezz’ora in più: “Io dico a Salvini, è bello fare il forte con i deboli, ma questo è il momento del coraggio”.

Caso Siri, Di Maio: “Caro Salvini, è bello fare il forte con i deboli ma questa è l’ora del coraggio”

Caso Siri, M5s: “Salvini tiri fuori le palle per farlo dimettere”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.