Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:18
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Di Maio su Salvini: “Ogni volta devo fare un accordo con quell’altro”. La risposta del leghista: “Mi chiamo Matteo”

Immagine di copertina

Il ministro dell'Interno ha replicato allo sfogo catturato in un audio del collega del Movimento 5 Stelle

Sfogo di Di Maio su Salvini. La risposta del leghista non si è fatta attendere

Non si è fatta attendere la risposta di Salvini allo sfogo di Di Maio, catturato in un audio registrato durante un incontro del vicepremier pentastellato con i militanti del Movimento, avvenuto a Cosenza nella giornata di domenica 28 luglio.

“Ogni volta devo fare un accordo con quell’altro (riferito a Salvini)” si sente dire dal capo politico del M5S, che poi aggiunge: “A volte dobbiamo subire l’atteggiamento della Lega che è insopportabile”.

Un’affermazione non gradita da Salvini la cui risposta allo sfogo di Di Maio sarebbe stata, secondo fonti vicine al ministro dell’Interno: “Quell’altro? Mah… Posso non stare simpatico ma ho un nome, mi chiamo Matteo”.

Successivamente, lo staff di Di Maio in una nota ha precisato: “Si fatica a comprendere lo stupore riguardo alle parole pronunciate dal vicepresidente Di Maio nel corso dell’assemblea a Cosenza con gli attivisti M5S. Il vicepresidente non ha infatti mai esitato a sottolineare alcuni aspetti politici, anche pubblicamente. È una persona schietta e sincera. Nella fattispecie, si è solo concesso un linguaggio più colloquiale e diretto in virtù della circostanza”.

Aldilà dell’audio, pubblicato sul sito LaCnews, permangono le tensioni all’interno della maggioranza.

In particolar modo è ancora la Tav a essere al centro della disputa tra le due forze di governo.

Nonostante l’opinione favorevole del premier Conte, infatti, il Movimento 5 Stelle resta contrario.

“Il M5S è sempre stato contrario a un’opera politicamente inutile e dal punto di vista ambientale dannosa. Una bidonata con costi enormemente superiori ai benefici. Chi ha cambiato idea è la Lega e Salvini” ha dichiarato il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli in un’intervista.

Stesso concetto ribadito da Di Maio che poi ha aggiunto: “La Lega era no Tav. Oggi da sola non ha i numeri per fare passare la Tavdovrà usare i voti del Pd, ma se userà i voti del Pd per fare un favore a Macron dovrà spiegarlo ai suoi elettori”.

Ti potrebbe interessare
Politica / La lista della Lega esclusa dalle comunali a Napoli: il Consiglio di Stato conferma la decisione
Politica / "Bertolaso vice di Calenda? Forza Italia vuole lasciare Michetti e guarda al candidato di Azione" (di M. Antonellis)
Politica / Conte a TPI: “Abolire il reddito di cittadinanza? Devono passare sul mio cadavere”
Ti potrebbe interessare
Politica / La lista della Lega esclusa dalle comunali a Napoli: il Consiglio di Stato conferma la decisione
Politica / "Bertolaso vice di Calenda? Forza Italia vuole lasciare Michetti e guarda al candidato di Azione" (di M. Antonellis)
Politica / Conte a TPI: “Abolire il reddito di cittadinanza? Devono passare sul mio cadavere”
Politica / Il marito di Casellati inseguito dal Fisco per 145mila euro di Ici non pagata: la storia sul settimanale di TPI
Politica / Il governo pensa a uno stanziamento di 3 miliardi per limitare l’aumento delle bollette
Politica / M5S: Di Maio, Raggi e Fico in lizza per il comitato di garanzia di Conte
Politica / Roma, il candidato sindaco Roberto Gualtieri suona "Estate" in una jam session con tre musicisti
Politica / Candidata di Forza Italia al municipio e segretaria del ministro Franco al Mef: la doppia carica di Serena Piccardi
Politica / Il Governo ora vuole limitare l’aumento delle bollette: le misure allo studio
Politica / Il governo frena sull’obbligo vaccinale: Draghi non vuole rompere con Salvini per non perdere il Quirinale