Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Roma, Calenda la mina vagante

Immagine di copertina
Carlo Calenda, leader di Azione e candidato sindaco a Roma. Credit: ANSA

Chi fa il tifo per Calenda? In questi ultimi giorni d’estate, c’è un desiderio che cresce tra le fila del centrosinistra e quelle del centrodestra, esclusa l’area di Giorgia Meloni. Il desiderio riguarda le percentuali elettorali di Calenda nella corsa al Campidoglio, date costantemente in crescita.

La tendenza fotografata dai sondaggisti disegna un crescente versamento di sangue dalla candidatura debole di Enrico Michetti verso quella del leader di Azione. “È impressionante il confronto tra i candidati”, dice un senatore del Pd. “Carlo è di gran lunga il più preparato di tutti e quello che comunica meglio”. Il desiderio alligna nel centrodestra, fosse solo per dare una lezione a Meloni, che volle imporre a tutti il candidato romano.

Le aree di disagio si trovano soprattutto dentro la Lega e Forza Italia: “Di fronte al disastro della Raggi e alle incertezze di Gualtieri, non abbiamo saputo meglio che mettere in campo uno storico di Roma antica”, sussurrano da quelle parti. Un desiderio così dichiaratamente bipartisan sfocia in un vero e proprio sogno: Calenda al ballottaggio contro lo stesso Michetti o contro l’anemico Gualtieri.

“È l’unico vero jolly di questo autunno”, spiega un esponente di primo piano dell’opposizione dem. “Calenda può scombussolare tutti i piani, e mettere nell’angolo contemporaneamente Letta e Meloni. È molto difficile che riesca questa operazione, ma i sondaggi ci dicono che c’è margine per sperare”.

Insomma, la speranza è l’ultima a morire e in cuor suo Calenda, di attivare al ballottaggio, ancora ci spera. Per ora l’unico che spinge dichiaratamente a favore dell’ex ministro, nonostante i suoi rapporti personali altalenanti, è Matteo Renzi, ma tanti in silenzio nella Lega, in Forza Italia e anche nel Pd, fanno il tifo per l’exploit del leader di Azione.

Tutte le notizie sulle elezioni comunali di Roma 2021
Ti potrebbe interessare
Politica / Berlusconi: “Le sentenze di primo e secondo grado non saranno appellabili. Basta processi all’infinito”
Politica / Crisanti: “Salvini? Se avessimo dato retta a lui i morti per Covid sarebbero stati 300mila”
Politica / Conte: "Letta, Di Maio e Draghi volevano farmi fuori, i veri progressisti siamo noi"
Ti potrebbe interessare
Politica / Berlusconi: “Le sentenze di primo e secondo grado non saranno appellabili. Basta processi all’infinito”
Politica / Crisanti: “Salvini? Se avessimo dato retta a lui i morti per Covid sarebbero stati 300mila”
Politica / Conte: "Letta, Di Maio e Draghi volevano farmi fuori, i veri progressisti siamo noi"
Politica / Giorgia Meloni contro il Reddito di cittadinanza: "È un fallimento totale"
Politica / La gag di Berlusconi: "Il 25 settembre vota il Partito Comunista"
Politica / Quando Meloni diceva: "Mussolini è stato un buon politico"
Politica / La grana Gasbarra per Enrico Letta: il Pd ora rischia pure nel Lazio
Politica / Pd, Cirinnà ci ripensa e si candida: “Schiaffo dal partito. Lo faccio per le persone che me lo hanno chiesto”
Politica / Luca Lotti escluso dalla lista Pd: “Scelta politica, niente scuse vigliacche”
Politica / Come e perché Giorgia Meloni vuole modificare il Pnrr se sarà eletta