Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Renzi si è dimesso da segretario del PD

Immagine di copertina
Matteo Renzi.

Il segretario del Partito Democratico, Matteo Renzi, ha deciso di rassegnare le proprie dimissioni dopo i risultati delle elezioni politiche del 4 marzo

Il segretario del Partito Democratico, Matteo Renzi, ha deciso di rassegnare le proprie dimissioni dopo i risultati delle elezioni politiche del 4 marzo.

Il Pd ha registrato un pesante calo dei consensi, ottenendo meno del 20 per cento dei voti.

Elezioni politiche 2018: cosa succede adesso | Diretta Elezioni 4 marzo | Risultati aggiornati in tempo reale | Risultati: ecco chi ha vinto 

“Per silurare me hanno segato il partito. A loro interessava solo cacciare la preda. Ma con questi numeri posso anche restare all’opposizione, certo sotto il 20 per cento non avrei alternative, dovrei essere coerente con la mia storia”, ha detto Renzi a Repubblica.

“Volevano solo buttarmi fuori. Cacciare la preda, per poi riprendersi il partito. Ci sono riusciti, fregandosene del fatto che il Pd era l’unico a reggere il sistema. Sotto il 20 per cento non ho alternative, non posso restare: devo essere coerente con la mia storia. Non sono interessato al mio destino personale. Posso anche fare il senatore semplice”.

Nel collegio uninominale di Firenze (Senato) Renzi ha vinto con oltre il 44 per cento dei voti.

Il risultato delle elezioni 2018 è il peggiore da oltre 10 anni, come mostra il grafico, con un calo di almeno 6 punti percentuali rispetto alle elezioni politiche del 2013:

Ci si può davvero stupire se in Italia crolla quella sinistra che è già crollata in tutta Europa? La sinistra è morta, scrive Fulvio Scaglione, commentando la sonora sconfitta.

Il risultato del 4 marzo 2018 è ancora più pesante se paragonato al risultato storico del Pd di Renzi che ottenne il 40 per cento alle europee del 2015.

In campagna elettorale l’ex presidente del Consiglio aveva molto puntato sui risultati ottenuti nella legislatura che si è appena conclusa. Nel programma erano evidenziati i risultati raggiunti dal governo guidato dal Pd tra il 2013 e il 2018.

Elezioni politiche 2018: cosa succede adesso. Il M5S trionfa alle elezioni politiche italiane 2018. Anche la Lega vola, superando Forza Italia. Crollo del PD. Ora però cosa succede? Ecco alcuni possibili scenari

L’ex premier era stato confermato segretario del Pd con le primarie del 30 aprile 2017. Circa 2 milioni di persone avevano votato per Renzi preferendolo e Michele Emiliano e Andrea Orlando.

Ti potrebbe interessare
Politica / Renzi rompe il silenzio: "Meloni ringrazi Letta"
Politica / Pd, parte il totosegretario: da Bonaccini a Schlein, i candidati alla successione di Letta
Politica / Giorgia Meloni festeggia la vittoria alle elezioni in palestra
Ti potrebbe interessare
Politica / Renzi rompe il silenzio: "Meloni ringrazi Letta"
Politica / Pd, parte il totosegretario: da Bonaccini a Schlein, i candidati alla successione di Letta
Politica / Giorgia Meloni festeggia la vittoria alle elezioni in palestra
Politica / Totoministri, Meloni chiude a Salvini: non avrà il Viminale o altri ministeri chiave
Politica / La sorella di Giorgia Meloni: "Non è vero che è contro l'aborto"
Politica / La mamma di Giorgia Meloni: "Ora tolga subito la vergogna del Rdc"
Politica / Bossi fuori dal Parlamento dopo 35 anni: "Dal Nord messaggio chiaro, va ascoltato". Maroni: "Alla Lega serve un nuovo segretario"
Politica / Salvini: "Abbiamo pagato sostegno a Draghi ma non mi dimetto"
Politica / Di Battista: “C’è vita fuori dai Palazzi. Di Maio si prenda una laurea”
Politica / Riforme, Lollobrigida: "Costituzione bella ma ha anche 70 anni". "Non toccheremo la 194 e unioni civili"