Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Renzi: “Letta alla Nato? Così ci ritroviamo i russi in Portogallo”

Immagine di copertina

Renzi: “Letta alla Nato? Così ci ritroviamo i russi in Portogallo”

Il leader di Italia Viva Matteo Renzi, reduce dall’accordo con Carlo Calenda per la formazione del cosiddetto Terzo Polo, torna a punzecchiare il segretario del Pd Enrico Letta.

In un’intervista alla Versiliana, infatti, l’ex presidente del Consiglio ha dichiarato: “Se le capacità strategiche di Enrico Letta sono quelle che sto vedendo, visto che si vocifera che voglia un incarico alla Nato, se ci riuscisse ci troveremmo i russi fino in Portogallo in un paio di giorni”.

A stretto giro è arrivata la replica del Partito Democratico attraverso le parole di Andrea Romano: “Capisco che Renzi sia in campagna elettorale con Calenda e vedo anche che, dopo essere stato segretario del Pd, il suo obiettivo sia quello di colpire solo e soltanto il Pd. Ma anche l’obiettivo politico più irragionevole e il risentimento personale più incontrollato non giustificano in alcun modo il livore con cui Renzi si scaglia contro Letta. Il suo commento sui russi che raggiungerebbero il Portogallo se Letta fosse Segretario generale della Nato entra di diritto nella top ten delle frasi più squallide e infelici di questa campagna elettorale”.

“Noi non risponderemo allo squallore con lo squallore, preferendo concentrarci sulle risposte da dare ad un paese che deve riconquistare fiducia nella politica e nelle istituzioni. Nonostante le pessime prove che provengono da ex leader risentiti”.

Già nella giornata di mercoledì 10 agosto, Renzi aveva attaccato Letta nel corso di un’intervista a La Stampa. L’ex segretario del Partito Democratico, infatti, aveva affermato: “Ogni volta che ho una posizione diversa da Enrico Letta si parla di rancore, ma è evidente che quella storia dello ‘stai sereno’ non gli è passata”.

Letta, secondo Renzi, “aveva tre alternative: la prima era il grande patto contro le destre, e sarei stato contrario, ma avrebbe dovuto fare l’accordo con Conte. Seconda ipotesi, fare l’Agenda Draghi, ma ha messo il veto su di noi prendendo Fratoianni. Terza ipotesi, quella di Veltroni, vado da solo. Invece ha fatto una frittata”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Aboubakar Soumahoro a TPI: “Sono un patriota, dobbiamo riappropriarci di questa parola”
Politica / De Micheli a TPI: “Mi candido perché ho la voglia di cambiare. Parlare solo di alleanze significa essere subalterni”
Politica / Pd, al via la direzione nazionale. Letta: “Nati per stare all’opposizione, mai più governi di salvezza”
Ti potrebbe interessare
Politica / Aboubakar Soumahoro a TPI: “Sono un patriota, dobbiamo riappropriarci di questa parola”
Politica / De Micheli a TPI: “Mi candido perché ho la voglia di cambiare. Parlare solo di alleanze significa essere subalterni”
Politica / Pd, al via la direzione nazionale. Letta: “Nati per stare all’opposizione, mai più governi di salvezza”
Politica / Pnrr: è scontro tra Draghi e Meloni. La leader FdI: “Siamo in ritardo”, ma il premier smentisce
Politica / Salvini insiste per il Viminale ma apre ad altre cariche di “alto profilo”
Politica / Governo, Meloni: “Sì ai tecnici. Non mi farò imporre nomi che non siano all’altezza del compito”
Politica / Governo, FdI: “Nessun veto sul ritorno di Matteo Salvini al Viminale”
Politica / Meloni a Zelensky: “Pieno sostegno alla causa della libertà del popolo ucraino”
Politica / Lega: “Pieno mandato a Salvini”. Il Carroccio punta sui ministeri dell’Interno e dell’Agricoltura
Economia / Centrodestra, con il primo decreto torna il condono: è il secondo in meno di due anni