Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Renzi lascia il Pd: cosa farà la fedelissima ministra Teresa Bellanova?

Immagine di copertina

Renzi lascia il Pd: cosa farà la fedelissima ministra Teresa Bellanova?

Renzi lascia il Pd e fonda il suo partito, ma cosa farà la fedelissima ministra Teresa Bellanova? La ministra dell’Agricoltura, diventata – suo malgrado – celebre per le polemiche sul suo aspetto fisico dopo il giuramento del governo Conte bis, e dal curriculum di altissimo livello, seguirà Matteo Renzi nel nuovo partito o rimarrà nel Pd? La sua posizione è particolare, rispetto agli altri senatori dem di corrente renziana, perché la ministra fa parte dell’esecutivo.

Ma come lo stesso Matteo Renzi ha annunciato, la ministra lo seguirà, anzi, sarà capo delegazione nel governo, del nuovo partito dell’ex premier. La delegazione renziana di governo, al momento, è formata da Teresa Bellanova, dalla ministra della Famiglia, Elena Bonetti, dal sottosegretario agli Affari Esteri Ivan Scalfarotto e dalla sottosegretaria e viceministra all’Istruzione Anna Ascani. In tutto saranno circa 30 i parlamentari pronti a passare con Renzi, oltre Bellanova.

Renzi annuncia la scissione dal Pd: ecco chi lo segue e chi invece resta con Zingaretti

Teresa Bellanova sarà la capo delegazione nel governo. Una leader politica, oltre che una ministra”, ha detto Renzi nell’intervista a Repubblica con cui ha annunciato la scissione dal Pd. Bellanova chiuderà la Leopolda che si terrà a Firenze dal 18 al 20 ottobre, e sarà la sede in cui nascerà ufficialmente il nuovo partito di Renzi e in cui verranno presentati nome e simbolo.

La vicinanza tra Renzi e Bellanova non era un mistero, e il leader si è schierato al fianco della ministra dopo gli insulti nelle settimane scorse. Renzi ne ha sempre tessuto le lodi, e in quell’occasione disse: “Vi auguro di poter provare almeno una volta le emozioni di bellezza e stupore che le persone vivono quando ascoltano Teresa, la sua passione, la sua storia. Basti pensare ai suoi discorsi alla Leopolda: nessuno infiamma la platea come lei”. 

Teresa Bellanova, senatrice, andrà tra le fila del partito di Renzi insieme a Ettore Rosato, Tommaso Cerno, Davide Faraone, Eugenio Comincini, Nadia Ginetti, Ernesto Magorno, Francesco Bonifazi e altri. Qui l’elenco completo.

Ti potrebbe interessare
Politica / Elezioni amministrative del 3-4 ottobre 2021: candidati, orari, legge elettorale. La guida completa
Politica / Il messaggio in codice di Prodi a Mattarella: “Un incarico settennale a 82 anni è un’incoscienza”
Politica / Lega, la crisi interna arriva su Whatsapp: “Decide tutto Draghi, meglio la scissione”
Ti potrebbe interessare
Politica / Elezioni amministrative del 3-4 ottobre 2021: candidati, orari, legge elettorale. La guida completa
Politica / Il messaggio in codice di Prodi a Mattarella: “Un incarico settennale a 82 anni è un’incoscienza”
Politica / Lega, la crisi interna arriva su Whatsapp: “Decide tutto Draghi, meglio la scissione”
Politica / Draghi: “Emergenza climatica come la pandemia, agire subito o sarà troppo tardi”
Politica / Perché la Cultura sarà importante per il prossimo sindaco di Roma
Politica / Prodi a Letta: “I diritti non bastano, il Pd faccia più proposte forti”
Politica / Green Pass, Letta: “Salvini su questi temi è irrilevante nel Governo, nemmeno la Lega lo segue”
Politica / Don Matteo della Mancia: Salvini ha scambiato i social per la realtà e si è perso per strada la Lega
Politica / Il candidato di centrodestra Bernardo agli alleati: "Datemi i soldi della campagna elettorale o mi ritiro"
Politica / Vittorio Feltri: “Il centrodestra è una coalizione del ca**o. A Milano vincerà Sala”