Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Franceschini al posto di Conte: il piano di Renzi per sostituire il premier in corsa

Immagine di copertina

Nella maggioranza che sostiene il governo si comincia a parlare di "ribaltone"

Franceschini al posto di Conte: il piano di Renzi per sostituire il premier

Il premier Giuseppe Conte non si fida di Matteo Renzi. E questo è un dato di fatto. Dal giorno della scissione del Pd, e dopo le recentissime polemiche su Quota 100 e la manovra economica, il presidente del Consiglio non dorme sonni tranquilli. E ora, ad alzare il livello delle tensioni arrivano le voci su un possibile “piano” del leader di Italia Viva per sostituire il capo del governo. E piazzare al suo posto, dicono i ben informati, niente di meno che il ministro dei Beni culturali e capo delegazione del Pd Dario Franceschini, sua nemesi ai tempo del Nazareno.

Di ribaltone a Palazzo Chigi si è cominciato a parlare dopo alcune dichiarazioni ambigue del leader di Italia Viva dal palco dell’ultima Leopolda. Renzi ha risposto, intanto, a chi lo accusa di voler far saltare il governo. E nel difendersi, punta il dito proprio sul premier e sul suo ex segretario Nicola Zingaretti. “Credo che siano Conte e Zingaretti a voler staccare la spina – dice -. Ma chi vuole far finire la legislatura prima di leggere un presidente pro Europa si assume una grossa responsabilità”, ha detto Renzi.

L’obiettivo dell’ex premier è chiaro: “Questa legislatura ha il dovere di eleggere un presidente della Repubblica che sia europeista e non sovranista. Perciò non sono io a voler staccare la spina al governo, visto che l’ho attaccata”.

E Conte non è per Renzi una pedina fondamentale: “Io il mio messaggio l’ho mandato, se Conte vuole essere della partita in questa operazione bene, altrimenti faremo senza di lui”.

E così, come spiegano i renziani a Maria Teresa Meli del Corriere della Sera, Franceschini sarebbe per Renzi il candidato ideale. Tanto da essere pure definito “amico” nel comizio di chiusura della kermesse fiorentina. Tra l’altro, il ministro del Pd è stato anche l’unico del suo partito a non polemizzare con Italia Viva nei e con il suo leader nei giorni della Leopolda.

Che il piano di Renzi per andare avanti nella legislatura anti-sovranista, magari liberandosi di Conte, passi proprio dal ministro dem Franceschini?

Ti potrebbe interessare
Politica / Chi è Roberto Gualtieri, il nuovo sindaco di Roma
Politica / Ballottaggio Torino, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Ballottaggio Roma, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Ti potrebbe interessare
Politica / Chi è Roberto Gualtieri, il nuovo sindaco di Roma
Politica / Ballottaggio Torino, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Ballottaggio Roma, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Chi è Stefano Lo Russo, il nuovo sindaco di Torino
Politica / Berlusconi attacca i no vax: “Eroe è chi blocca un treno per Auschwitz, non un porto per il green pass”
Politica / Ballottaggi: il centrosinistra vince a Roma e Torino. Letta: "È un trionfo", Salvini minimizza. Il centrodestra conquista Trieste
Cronaca / Alla chiusura dei seggi ieri aveva votato solo il 33,32% degli aventi diritto
Politica / Il grande flop del Partito Gay: alle amministrative percentuali da prefisso telefonico
Politica / E così Draghi si fa il suo sondaggio: anche SuperMario alla ricerca del consenso
Politica / Maurizio Landini a TPI: “La nostra piazza più forte di loro”