Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:57
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Nomine Rai, Draghi pronto a intervenire se i partiti non sceglieranno figure all’altezza

Immagine di copertina

Come anticipato da TPI nei giorni scorsi sarebbero state centinaia le candidature presentate in Parlamento per un posto nel nuovo Cda della Rai; cosa puntualmente accaduta. Ma ora tenetevi forte perché si comincia a fare sul serio: per l’inizio della prossima settimana sarà pronta la “short list” sulla Rai che i solerti cacciatori di teste di Egon Zendher stanno preparando per il Ministro dell’Economia Daniele Franco.

Già, perché a quando siamo grado di rivelare questa settimana si terranno i riservatissimi colloqui per le posizioni di Presidente e Amministratore Delegato dell’azienda di viale Mazzini. I nomi, rigorosamente ‘top secret’ (di alcuni però TPI ha già parlato) sono pochi e ben selezionati con un’equa ripartizione tra uomini e donne. Insomma, ora comincia la partita vera.

Intanto, continua lo scambio di “messaggi incrociati” tra Mario Draghi e i partiti: questi ultimi al di là delle dichiarazioni di facciata (dietro ad ogni pretesa di imparzialità c’è sempre un nome a loro gradito) non hanno alcuna intenzione di mollare la presa sulla Rai, da sempre considerata bottino di guerra.

Ma a palazzo Chigi non sono degli sprovveduti e hanno già mandato il primo “warning” alle forze politiche: “Non potete fare come vi pare” il senso del messaggio fatto recapitare. Anche super Mario, quando sarà il momento, vorrà dire la sua sui nuovi assetti di mamma Rai soprattutto se i nomi “sponsorizzati” dalla politica non dovessero rivelarsi all’altezza.

Perché l’obiettivo principale di palazzo Chigi sarà quello di rimettere a posto i conti di viale Mazzini, non di accontentare questo o quel partito. Anche perché la Rai del prossimo triennio sarà quella che gestirà le prossime elezioni politiche: un motivo in più per una gestione super partes senza dare indebiti vantaggi a nessuno.

Leggi anche: Terremoto in casa Rai: dopo il caso Fedez ora spuntano i servizi segreti

Ti potrebbe interessare
Politica / Monti: "Meno democrazia nella comunicazione, in guerra si accettano limitazioni alla libertà"
Politica / Dalla Maggioni alla von Furstenberg: la Roma che conta alla corte di Lady Di Maio
Politica / “Vogliono tappare la bocca a Report”: parla Sigfrido Ranucci
Ti potrebbe interessare
Politica / Monti: "Meno democrazia nella comunicazione, in guerra si accettano limitazioni alla libertà"
Politica / Dalla Maggioni alla von Furstenberg: la Roma che conta alla corte di Lady Di Maio
Politica / “Vogliono tappare la bocca a Report”: parla Sigfrido Ranucci
Politica / “Caro TPI, sì è vero, sono un metallaro in pa-Pillon”: parla il senatore leghista
Politica / La politica è ormai latitante sulla mafia
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Politica / Firmato il Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Draghi: “Patto storico”
Politica / L’Economist incorona Giorgia Meloni: “Può diventare la prima premier donna in Italia”
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”
Politica / La ministra Carfagna agli eventi di Forza Italia con gli aerei di Stato