Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:10
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Terremoto in casa Rai: dopo il caso Fedez ora spuntano i servizi segreti

Immagine di copertina

Terremoto in casa Rai: dopo il caso Fedez ora spuntano i servizi segreti

In Rai non accennano a placarsi le polemiche su Fedez ma, statene certi, presto se ne apriranno anche su altri fronti. Come quello dei rapporti tra le reti e le testate giornalistiche, in particolare quello tra Tg1 e Rete 1. È di questo pomeriggio infatti una durissima presa di posizione da parte del Cdr della testatata ammiraglia che sbarra la strada allo “spacchettamento” di Uno Mattina, fortemente voluto dalla direzione di rete e, si dice, gradito anche all’Ad Salini.

Il Cdr del Tg1, si legge in una nota appena recapitata “ribadisce la propria contrarietà – in questo momento e in queste condizioni – ad eventuali spacchettamenti e in ogni caso ad ogni tentativo di distogliere la titolarità dell’informazione che appartiene al Tg1″.

Poi il Cdr si toglie anche qualche “sassolino” dalle scarpe all’indirizzo di “Italia sì” – speciale, per l’addio al Principe Filippo condotto da Marco Liorni: “Cogliamo lo spunto per informarvi che su questo tema, in occasione della mancata gestione da parte del telegiornale della diretta dei funerali del Principe Filippo assegnato invece ad una trasmissione di rete peraltro con pessimi risultati di audience, il CdR ha scritto ai responsabili aziendali ribadendo come il Tg1 abbia le competenze e le capacità per affrontare con edizioni straordinarie ogni tipo di evento, previsto o meno, ribadendo la richiesta di sostenere un ruolo e un compito, fare informazione, che storicamente è stato assegnato alla nostra testata”.

“Il Tg1 deve essere considerato il titolare dei prodotti d’informazione sulla Rete 1 e ciò deve avvenire attraverso il coinvolgimento dell’intera redazione: direzione, line, conduttori, inviati. Obiettivo deve essere quello del confezionamento di un prodotto editoriale riconoscibile chiaramente con il marchio, gli inviati e lo studio del Tg1”. Insomma, il Cdr del Tg1 promette battaglia. Vedremo ora chi vincerà la partita. Intanto, a quanto siamo in grado di rivelare, Report domani sera trasmetterà un filmato che ritrae un importante politico che si incontra di nascosto con un agente dei servizi segreti.

Leggi anche: 1. Le mani dei partiti sulla Rai: mentre impazza il caso Fedez sono in corso le manovre per i nuovi vertici 

Ti potrebbe interessare
Politica / Giorgia Meloni in lacrime: “Non sono omofoba. Da adolescente mi bullizzavano dandomi della cicciona”
Discutiamo! / La sinistra deve guidare la battaglia per ridare dignità al mondo del lavoro in Europa (di H. Bierbaum)
Musica / Mattarella scrive ai Jalisse: “Inviatemi il vostro nuovo disco”
Ti potrebbe interessare
Politica / Giorgia Meloni in lacrime: “Non sono omofoba. Da adolescente mi bullizzavano dandomi della cicciona”
Discutiamo! / La sinistra deve guidare la battaglia per ridare dignità al mondo del lavoro in Europa (di H. Bierbaum)
Musica / Mattarella scrive ai Jalisse: “Inviatemi il vostro nuovo disco”
Politica / “Stop brevetti, ora tocca a Draghi”: intervista alla direttrice di Change.org Italia
Politica / Di Maio: “Il 16 maggio data auspicabile per superare il coprifuoco”
Politica / Draghi parla di “vaccini bene comune” ma sulla proposta di Biden nicchia
Politica / Salvini punge Fedez: “Vorrei incontrarlo ma lui preferisce fare i monologhi”
Politica / Pascale contro Tajani: “Famiglia senza figli non esiste? Non voto più Forza Italia”
Politica / “La donna non è una fattrice, si realizza con la maternità”: bufera per le parole di Tajani
Politica / Il Senato approva con 207 sì. Ora passa alla Camera