Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Il piano di Salvini per stoppare l’ascesa della Meloni e riprendersi la leadership del centrodestra

Immagine di copertina

Matteo Salvini non sa più che pesci pigliare. È nel pallone più totale e non sa proprio più cosa inventarsi per stoppare l’ascesa dell’inarrestabile (almeno per ora) Giorgia Meloni.

Oggi addirittura dalle pagine del Giornale di Berlusconi si spinge a proporre al più presto una federazione di centrodestra che poi significa, tradotto per i non leghisti, il partitone unico tra Lega e Forza Italia con gruppi parlamentari uniti (come peraltro anticipato nei giorni scorsi senza troppi giri di parole da TPI).

Ma perché questa accelerazione tanto improvvisa quanto brusca da parte del Capitano leghista? Come raccontano i soliti bene informati, stanno piovendo pessimi sondaggi in casa Lega: ce ne sono alcuni, tra i più riservati (e tra i più apprezzati anche dalla real casa berlusconiana), che danno ormai per acquisito il sorpasso della Meloni ai danni del Salvini.

Insomma la paura folle o meglio, la “strizza-pazza” per i sondaggi stanno spingendo Matteo Salvini ad accelerare i tempi dell’unione all’interno del centrodestra. Ma c’è di più: il leader leghista non ha affatto apprezzato l’invito a Palazzo Chigi da parte di Mario Draghi (ed infatti sta facendo sapere che presto anche lui sarà ricevuto dal premier) che ha consacrato Giorgia Meloni come legittima futura aspirante alla Presidenza del consiglio sdoganandola con i poteri forti europei ed internazionali.

Anche il successo del libro di super Giorgia sta dando alla testa dalle parti di via Bellerio. Insomma, tutti motivi per fare presto ed unire Forza Italia e Lega in modo da garantire ai berlusconiani un seggio sicuro alle prossime politiche (che altrimenti in pochi avrebbero) e soprattutto fare massa critica assieme a Silvio Berlusconi per riprendersi la leadership del centrodestra e fermare l’avanzata di Fdi.

Insomma dopo il sorpasso di Giorgia Meloni che in casa Lega danno ormai per scontato, Salvini tenta il ri-sorpasso unendosi alla Forza Italia di Silvio Berlusconi. La domanda è: basterà?

Avviso ai naviganti: Forza italia sarebbe pronta a prendere in seria considerazione l’ipotesi di federazione di centrodestra proposta dalla Lega e avanzata da Matteo Salvini stamattina dalle pagine del Giornale. Lo avrebbe detto poco fa Silvio Berlusconi nel corso di una riunione. La notizia se fosse confermata avrebbe del clamoroso e sarebbe probabilmente destinata a cambiare gli equilibri politici del bel paese.

Ti potrebbe interessare
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Opinioni / Tutti muti, muti tutti (di G. Gambino)
Opinioni / Cento anni fa nasceva Enrico Berlinguer: vi racconto chi era, fra aneddoti, battaglie politiche e il revisionismo di alcuni suoi successori
Ti potrebbe interessare
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Opinioni / Tutti muti, muti tutti (di G. Gambino)
Opinioni / Cento anni fa nasceva Enrico Berlinguer: vi racconto chi era, fra aneddoti, battaglie politiche e il revisionismo di alcuni suoi successori
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Opinioni / È l’algoritmo, bellezza! (di G. Gambino)
Opinioni / Altro che rieducare: il carcere porta i condannati a tornare a delinquere. Ecco perché questo modello ha fallito (di L.Manconi)
Opinioni / Salvate il soldato Berlinguer. Cari Kompagni giù le mani da CartaBianca (di G. Cuperlo)
Opinioni / Il Papa nomina la Nato? “Ma è perché non parla bene italiano”. La censura non basta più, va delegittimato (di A. Di Battista)