Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Petrocelli: “Non mi dimetto. La Z nel tweet del 25 aprile? Una provocazione contro gli slogan neonazisti”

Immagine di copertina

La Z nel tweet sul 25 aprile? Una “provocazione contro la retorica Nato e gli slogan neonazisti“. Dimissioni? Assolutamente No. Questa la posizione del presidente della Commissione Esteri del Senato, Vito Petrocelli, che nonostante le dimissioni rassegnate da 20 senatori in segno di protesta contro le sue posizioni sulla guerra in Ucraina, considerate filo russe, non ha intenzione di rinunciare al ruolo.

“L’ultima parola spetta alla presidente Casellati. I senatori Garavini e Alfieri dicevano che la Commissione era bloccata, ma non era vero. Abbiamo approvato due ratifiche ancora il 3 maggio”, dice in un’intervista a Repubblica, in cui definisce il gesto dei senatori “pretestuoso”.  Secondo Petrocelli, contrario all’invio di armi in Ucraina, da condannare sarebbe piuttosto la riabilitazione del Battaglione Azov da parte di Kiev. “Lei sa vero, che Poroshenko ha riabilitato come eroe nazionale Stepan Bandera, il leader che combatté accanto ai nazisti durante la Seconda guerra? È come se l’Italia avesse rivalutato Mussolini”, dice. Zelensky “poteva annullare l’onorificenza, invece non l’ha fatto. Anzi ha inserito il Battaglione Azov nella guardia nazionale”.

“Non giustifico l’invasione – continua – ma capisco cosa vuol dire avere tutti gli armamenti Nato alle porte. L’Ucraina era un Paese fallito ed è stato tenuto in piedi dagli americani con questo espediente. Questo lo dicevano anche i miei colleghi M5S Manlio Di Stefano e Marta Grande nella scorsa legislatura”. Che adesso hanno cambiato idea. “Soprattutto Di Maio, che è diventato ultra atlantista, io sono fedele al nostro programma del 2018. Trovo l’escalation militare Usa uno schifo“, continua il senatore, escluso dalle chat e dalle riunioni del Movimento ma non ancora espulso ufficialmente. Se arriverà comunicazione, assicura, la accetterà “senza fare ricorso”.

Ma “Conte, per essere coerente, dovrebbe votare contro il decreto che invia le nuove armi”, osserva. E inoltre va sfiduciato Draghi, perché la guerra in corso “avvantaggia solo gli Usa”, aggiunge. Putin ha aggredito uno stato sovrano “ma sul Donbass l’Europa aveva chiuso gli occhi e pure l’Italia, quando un fotoreporter, Andy Rocchelli, è morto mentre lavorava lì”. La Russia “è una democratura, ma non per questo dev’essere criminalizzata”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Ti potrebbe interessare
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato
Politica / D’Alema a TPI: “Nel pensiero di Berlinguer la sinistra può trovare le risposte ai problemi di oggi”
Politica / Facciamo eleggere: la campagna per le amministrative del Forum Disuguaglianze e Diversità. “Sosteniamo chi si batte per giustizia sociale e ambientale”
Politica / Draghi convoca il Cdm d’urgenza e lancia l’ultimatum ai partiti: o votate le riforme o niente Pnrr