Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Nomine Rai, chi vince chi perde. Ecco gli altri nomi in lizza

Immagine di copertina

Comincia a serpeggiare una certa inquietudine a Palazzo Chigi che la candidata Presidente della Rai non riesca a superare il voto (ci vuole una maggioranza a 2/3 ed è un voto segreto) della Commissione Parlamentare di Vigilanza.

Secondo un autorevole rappresentante della Commissione, alla Soldi ad oggi mancano 7/8 voti, un’enormità se si pensa che i membri della Commissione sono 40 (al momento a Draghi mancano i voti di Lega e Forza Italia; senza i quali la Soldi non può essere eletta).

Molto in realtà dipenderà anche dal voto del 14 prossimo del Parlamento sui 4 restanti membri del Cda Rai da designare. Si parla di un tentativo (invero molto improbabile) di scalzare il rappresentante di Fratelli d’Italia per portare la giannilettiana Agnes (già sonoramente bocciata da Palazzo Chigi come possibile Presidente ) in Cda.

Tentativo di difficilissima riuscita anche perché Draghi ha trovato un “appeasement” politico istituzionale con Giorgia Meloni ma che comunque crea ulteriori tensioni in una Commissione già di per se irritatissima con Mario Draghi (ad esclusione ovviamente del Pd gran beneficiato delle nomine a Viale Mazzini) per il metodo seguito.

Ma “chi vince e chi perde (per ora)” nella vicenda Rai? Perde sicuramente il centrodestra di governo (Lega e Fi) perché il nuovo Ad Fuortes è di liturgia Goffredo Bettiniana e pure la nuova Presidente è vicina al Pd.

Perde Salvini che ha fortemente sponsorizzato Marcello Ciannamea come Ad ma che difficilmente ora, spiegano fonti di primo piano di via Belllerio, avrà il coraggio di andare fino in fondo e bocciare Marinella Soldi in vigilanza dando così uno schiaffo morale a Mario Draghi.

Perdono i 5 Stelle che avevano l’AD e ora rischiano di perdere anche la direzione del Tg1. Vince alla grande il Pd che dopo la parentesi gialloverde si riprende la Rai con gli interessi. Vince il Ministro Colao che si ritrova la Presidente della Fondazione Vodafone a Presidente della Rai.

Nel frattempo, per cercare di ottenere i voti di Lega e Forza Italia in Vigilanza, Palazzo Chigi dovrà subito cominciare il “gioco delle compensazioni”. Per questo già si parla di un possibile approdo di Gennaro Sangiuliano al Tg1 (nell’eventualità Mario Orfeo potrebbe essere spostato a Rai 1) e di Marcello Ciannamea Direttore generale di viale Mazzini.

In ascesa per un posto di Dg anche la Calandrelli (in ottimi rapporti con Fuortes) e la grillina Beatrice Coletti. Alla finestra Roberto Sergio, vicino al centrodestra ma gradito anche a sinistra (Casini ma anche Gianni Letta).

Intanto, già si parla di un possibile approdo di Angelo Mellone alla direzione di Rai 2 così come della possibile riconferma di Bulbarelli allo sport e di un ruolo maggiore per Angela Mariella, attualmente a Isoradio. Nella trattativa per le “compensazioni”, inoltre, rientrerà anche il nascituro portale di informazioni on-line targato Rai e il canale in Inglese ritenuto di fondamentale importanza dai big leghisti.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / La lezione che possiamo trarre dal voto delle europee
Opinioni / Meloni vince in un’Italia pietrificata in sé stessa
Esteri / Vola la destra: l’Europa è finita?
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La lezione che possiamo trarre dal voto delle europee
Opinioni / Meloni vince in un’Italia pietrificata in sé stessa
Esteri / Vola la destra: l’Europa è finita?
Opinioni / No, Toti non ha agito nell’interesse dei cittadini liguri (e lo sapevamo anche prima dell’inchiesta)
Esteri / “Avrei bombardato Mosca e Pechino”: l’imprevedibilità di Trump e la guerra
Opinioni / Lettera a TPI – Il Pd e la necessità di definirsi anticapitalisti
Opinioni / Il ministro di una Difesa (per una volta) ragionevole – di R. Parodi
Opinioni / Abbiamo fatto l’Europa, ora facciamo gli europei (di G. Gambino)
Opinioni / Comunque vadano le elezioni, una cosa è certa: oggi l’Europa politicamente non esiste
Cronaca / Non c’è Pace Senza Giustizia celebra i primi 30 anni festeggiando le conquiste e fissando gli obiettivi del futuro