Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Migranti: l’Italia ha assegnato un porto sicuro alla Ocean Viking, la nave diretta verso Lampedusa

Immagine di copertina

A bordo si trovano 82 migranti soccorsi nel Mediterraneo

Migranti: l’Italia ha assegnato un porto alla Ocean Viking. Nave diretta a Lampedusa

L’Italia ha assegnato un porto sicuro alla Ocean Viking, la nave delle Ong Sos Mediterranee e Medici senza frontiere (Msf) con 82 migranti a bordo. La nave si sta ora dirigendo verso Lampedusa.

Attualmente, secondo l’agenzia Ansa, si sta valutando se far entrare la nave direttamente in porto o eseguire il trasporto dei migranti su motovedette della Guardia Costiera.

La nave Ocean Viking si trovava tra Lampedusa e Malta, in attesa di una risposta alla sua richiesta di un porto sicuro, dopo aver soccorso 84 migranti nel Mediterraneo. In particolare, 50 persone erano state salvate lo scorso 8 settembre da un gommone in difficoltà al largo della Libia. Altre 34 persone soccorse in mare erano state trasferite a bordo della Ocean Viking il 9 settembre dalla barca a vela Josefa.

L’11 settembre una donna incinta al nono mese di gravidanza e suo marito sono stati evacuati a Malta a bordo di un elicottero.

“Ci sono 82 persone che hanno subito enormi traumi, chiediamo una soluzione rapida per risparmiar loro altre inutili sofferenze”, era l’appello rivolto ieri da Gabriele Eminente, direttore generale di Msf. “Sappiamo che i Governi europei stanno cercando un accordo sulla loro distribuzione, ma intanto che si facciano sbarcare”.

Il governo Conte ha affrontato la questione della Ocean Viking durante un vertice a Palazzo Chigi lo scorso 12 settembre, durante il quale era stato annunciato l’ok dell’Unione europea alla redistribuzione dei migranti a bordo della nave.

Ocean Viking a Lampedusa, Salvini: “È una resa all’Ue”

Dopo la notizia dell’assegnazione di un porto sicuro alla nave Ocean Viking si accende la polemica tra maggioranza e opposizione.

“L’Ocean Viking a Lampedusa è una resa all’Ue”, ha dichiarato l’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini ai giornalisti, mentre si trovava a Milano all’assemblea degli amministratori locali. “Se torneranno le distribuzioni dei migranti in giro per l’Italia, nei comuni governati dalla Lega noi diremo no”. Il segretario della Lega ha scritto su Twitter:  “Il nuovo governo riapre i porti, l’Italia torna il campo profughi d’Europa”.

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha sottolineato che “non cambia la linea di governo”.

“Noi abbiamo assegnato un porto sicuro alla Ocean Viking solo perché l’Europa ha deciso di aderire alla nostra richiesta di prendere buona parte dei migranti”, ha dichiarato. “Il nostro obiettivo, anche nel precedente governo, era quello di redistribuire i migranti nei vari paesi europei”, ha proseguito Di Maio. “Ora ci sono degli automatismi che permettono di farlo, ed è per questo che si fanno sbarcare”.

Ocean Viking a Lampedusa, le Ong: “Siamo sollevati”

“Le autorità Italiane hanno appena offerto a OceanViking un porto sicuro di sbarco. Dopo sei giorni dal primo soccorso, gli 82 naufraghi a bordo presto sbarcheranno a Lampedusa. Msf e Sos Mediteranee sono sollevate”, si legge in un tweet delle due Ong.

Gli 82 migranti sono attesi nel pomeriggio a Lampedusa. Il gruppo verrà trasferito all’hotspot di contrada Imbriacola dove ci sono soltanto 2 persone, non trasferite nei giorni scorsi per un problema sanitario: hanno un principio di scabbia e vengono tenute sotto cure mediche. Tutti gli altri immigrati presenti nella struttura, nel corso della settimana sono stati trasferiti con il traghetto di linea per Porto Empedocle.

Migranti, la Germania pronta ad accogliere il 25 per cento dei migranti che sbarcano in Italia

Ieri la Germania e la Francia si sono dette pronte ad accogliere ognuna il 25 per cento dei migranti che sbarcano in Italia: un passo avanti verso il “meccanismo temporaneo” di redistribuzione dei migranti a cui sta lavorando la Commissione europea e sul quale conta il governo Conte per gestire gli sbarchi delle navi delle Ong.

Ad annunciare la notizia per la Germania è stato il ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer che, dopo un anno di tensione con l’ex collega italiano Matteo Salvini, tende la mano al nuovo governo giallorosso in un’intervista alla Sueddeutsche Zeitung. Secondo il ministro tedesco, una proposta analoga è arrivata dalla Francia.

Ti potrebbe interessare
Politica / Conte a TPI: “Abolire il reddito di cittadinanza? Devono passare sul mio cadavere”
Politica / Il marito di Casellati inseguito dal Fisco per 145mila euro di Ici non pagata: la storia sul settimanale di TPI
Politica / Il governo pensa a uno stanziamento di 3 miliardi per limitare l’aumento delle bollette
Ti potrebbe interessare
Politica / Conte a TPI: “Abolire il reddito di cittadinanza? Devono passare sul mio cadavere”
Politica / Il marito di Casellati inseguito dal Fisco per 145mila euro di Ici non pagata: la storia sul settimanale di TPI
Politica / Il governo pensa a uno stanziamento di 3 miliardi per limitare l’aumento delle bollette
Politica / M5S: Di Maio, Raggi e Fico in lizza per il comitato di garanzia di Conte
Politica / Roma, il candidato sindaco Roberto Gualtieri suona "Estate" in una jam session con tre musicisti
Politica / Candidata di Forza Italia al municipio e segretaria del ministro Franco al Mef: la doppia carica di Serena Piccardi
Politica / Il Governo ora vuole limitare l’aumento delle bollette: le misure allo studio
Politica / Il governo frena sull’obbligo vaccinale: Draghi non vuole rompere con Salvini per non perdere il Quirinale
Politica / Il social media manager di Taffo scende in campo per Roma: “Le nostre idee per migliorare la città”
Politica / Se non ci fosse Michetti bisognerebbe inventarlo