Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Monti: “A differenza di Draghi non avrei mai pensato di lasciare il governo prima”

Immagine di copertina
Credit: ANSA / OLIVIER HOSLET

Monti: “A differenza di Draghi non avrei mai pensato di lasciare il governo prima”

Il caos che ha portato alla rielezione di Sergio Mattarella alla presidenza della Repubblica era dovuto prima di tutto a un “vizio d’origine”: la volontà di Mario Draghi di andare al Quirinale. A dirlo è l’ex presidente del Consiglio Mario Monti, che in un intervento a In Onda su La7 ha rivolto più di qualche critica all’attuale inquilino di palazzo Chigi.

Il senatore a vita inizialmente si è detto d’accordo nel paragonare sotto alcuni aspetti il suo governo a quello attuale. “C’è però una differenza abbastanza importante”, ha detto Monti prima di dare la stoccata. “Nel caso mio ho esercitato i compiti e le decisioni fino alla fine del governo, che coincideva con la fine della legislatura. Non mi è venuto in mente neanche per un attimo, quando la popolarità del governo scendeva perché si avvicinavano le elezioni e i partiti andavano per la loro strada, di lasciare o di pensare di lasciare”.

“La situazione oggi è diversa perché il presidente Draghi, per ragioni sue, ha fatto sapere che sarebbe stato disposto a passare ad altro incarico, a metà dei due anni sui quali gli abbiamo dato la fiducia per reggere il governo. Quindi non è perfettamente analoga la situazione”, ha aggiunto, offrendo una propria lettura dei fatti che hanno portato alla rielezione di Mattarella.

“Il modo in cui ci si è arrivati è stato disastroso, per due ragioni non per una”, ha premesso Monti. “Una quella ovvia, la debolezza della politica, l’incapacità delle leadership politiche. L’altra non nascondiamolo, il vizio di origine”, vizio che, secondo il presidente della Bocconi, è possibile cogliere tramite una delle frasi pronunciate da Mattarella dopo il voto “quando ha detto ‘queste condizioni impongono di non sottrarsi ai doveri cui si è chiamati, e naturalmente devono prevalere su altre considerazioni e su prospettive personali differenti’”.

“Il problema è stato che le prospettive personali dei due vertici, il presidente della Repubblica e il presidente del Consiglio, in questo caso non erano allineati”, ha continuato. “Il presidente Mattarella legittimamente, con chiarezza, in modo naturale e comprensibile, ha fatto sapere che sette andavano bene, di più no”, ha detto Monti, per poi tornare ad attaccare l’ex presidente della Banca centrale europea. “Il presidente Draghi con altrettanta legittimità, in modo forse un po’ meno chiaro, ha fatto sapere o lasciato capire una cosa diversa dal naturale atteggiamento di un presidente del Consiglio in carica, ben lontano da fine mandato e con compiti impegnativi, e cioè che sarebbe andato ben volentieri al Quirinale. Tutto il resto è la conseguenza di questo”, ha sottolineato, sostenendo che in questo modo è stato caricato sulle spalle della politica “già scalcinata e debolissima”  un peso che nessun sistema politico sarebbe stato in grado di sopportare.

Monti è poi tornato a ribadire come sia stato “un po’ destabilizzante avere quell’ambizione totalmente legittima perché negli ultimi mesi aveva rallentato l’incisività dell’azione di governo”. “Bisognava cercare soluzioni per il Quirinale che andassero bene anche al presidente del Consiglio, quasi quasi sembrava che dovesse essere lui a indicarle”

“Io non sono considerato un fan della politica e un ‘antipatizzante’ della tecnica ma occorreva qui che nascesse una soluzione politica”, ha evidenziato Monti. “Anche ipotesi che sono circolate, due tecnici uno alla presidenza del Consiglio e uno alla presidenza della Repubblica, mi sembravano del tutto anomale”, ha aggiunto .”I capi dei partiti erano in fibrillazione totale perché trattavano del Quirinale ma anche delle poltrone a palazzo Chigi: è questo il sovraccarico”.

Il timore di Monti, ha spiegato, è che quanto accaduto possa favorire una spinta verso una riforma in senso presidenziale. “Non vorrei che alla fine, quando si chiuderanno i conti, si dica: ‘questo sistema è da gettare completamente, si vada alla repubblica presidenziale’”. “io ho molte riserve sulla repubblica presidenziale”, ha detto Monti, auspicando che non si ripeta “la pessima prova vista questa volta”, che “ha avuto delle origine anche insospettabili e non appartenenti alla politica”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Ti potrebbe interessare
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato
Politica / D’Alema a TPI: “Nel pensiero di Berlinguer la sinistra può trovare le risposte ai problemi di oggi”
Politica / Facciamo eleggere: la campagna per le amministrative del Forum Disuguaglianze e Diversità. “Sosteniamo chi si batte per giustizia sociale e ambientale”
Politica / Draghi convoca il Cdm d’urgenza e lancia l’ultimatum ai partiti: o votate le riforme o niente Pnrr