Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Ministra Bonetti: “Lo ius culturae non è nel programma di governo ma non possiamo escludere i ragazzi figli di stranieri”

Immagine di copertina

Ministra Bonetti: “Lo ius culturae non è nel programma di governo ma non possiamo escludere i ragazzi figli di stranieri”

La ministra della Famiglia, Elena Bonetti, intervistata da Repubblica, è fiduciosa sulla buona riuscita del programma di governo. “In Umbria non c’è una sconfitta del governo. Che va avanti per fare. Le misure in manovra si propongono di sanare alcuni dei disagi causati dal precedente governo. Dalla manovra dobbiamo ripartire”, ha detto la ministra.

E sulle presunte responsabilità della sconfitta alle regionali umbre di Renzi, come detto da Zingaretti, ci tiene a sottolineare: “Non è così, è evidente. Renzi non era neppure il predecessore di Zingaretti nel Pd ma il predecessore del precedessore. Non vorrei ricordare la favola del lupo e dell’agnello”.

La ministra parla poi delle misure a sostegno della famiglia, racchiuse nell’ambizioso Family Act, che portano la sua firma, e che saranno parte consistente della manovra economica 2020, in lavorazione in queste settimane.

“Il Family Act non sono solo misure ma una chiamata straordinaria di tutta la società civile per sostenere e valorizzare tutte le famiglie nella cura delle nuove generazioni e contro la denatalità. Sto incontrando associazioni, imprese e volontariato. Sono stanziati 600 milioni aggiuntivi oltre a un miliardo di euro in tre anni per costruire asili nido e centri di servizi polifunzionali. In manovra abbiamo poi, con la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo, scelto il finanziamento del congedo di paternità a sette giorni e i contributi annui per il pagamento delle quote per gli asili nido da 1.500 a 3 mila euro”, sottolinea la ministra.

“L’altra misura, a cui tengo molto, è l’assegno universale per tutti i nuovi nati: da 1° gennaio 2020 e per un anno, per un importo da 80 a 160 euro commisurato allo stato sociale della famiglia. Io punto a maggiorare e rendere strutturale quest’assegno nel 2021 per tutti i bimbi e giovani e non solo per nuovi nati”, prosegue Bonetti.

La ministra si mostra fiduciosa: “Le misure in manovra sono un primo passo importante. Dobbiamo andare avanti e mostrare più convintamente che siamo in grado di dare risposte. Facciamole le cose buone e positive”.

E su temi come le adozioni gay dice: “Non sta a me dire sì o no alle adozioni gay, sarà il Parlamento a decidere. Quando parliamo di adozioni al primo posto devono esserci i diritti dei bambini a cui si devono il sostegno, amore e la cura di una famiglia e non scontri ideologici”.

E sullo Ius culturae aggiunge: “Faccio sempre l’esempio della squadra: se alleni dei giocatori e poi li lasci in panchina, stai perdendo un pezzo. Lo ius culturae non è nel programma di governo ma personalmente credo che la scuola sia il luogo dove si costruiscono diritti e doveri di cittadinanza e non si possano escludere i ragazzi figli di stranieri”.

Leggi anche:

Family Act, la ministra Bonetti ha presentato il suo piano per le famiglie
Bonetti (Italia Viva): “Sono la ministra delle famiglie al plurale, non esiste un modello unico”
Che cos’è lo Ius culturae, la riforma della cittadinanza in esame alla Camera
Ti potrebbe interessare
Politica / X Mas, motti fascisti, provocazioni: chi sono i deputati che hanno aggredito il 5S Donno
Politica / Gelo tra Meloni e Macron: baciamano e sorrisi forzati al G7
Politica / Rissa in diretta tv tra Donno e Iezzi: “Vergognati, fascista a squadrista!” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Politica / X Mas, motti fascisti, provocazioni: chi sono i deputati che hanno aggredito il 5S Donno
Politica / Gelo tra Meloni e Macron: baciamano e sorrisi forzati al G7
Politica / Rissa in diretta tv tra Donno e Iezzi: “Vergognati, fascista a squadrista!” | VIDEO
Politica / Al G7 si litiga sul diritto all’aborto: “L’Italia non lo vuole nel comunicato finale”
Opinioni / La lezione che possiamo trarre dal voto delle europee
Politica / Cosa sappiamo dell'aggressione alla Camera al deputato Donno (M5S)
Politica / Premierato, il Senato approva l’elezione diretta del presidente del Consiglio
Politica / Dal boom di Meloni e Decaro al flop 5 stelle: vincitori e vinti del voto di preferenza
Politica / Messaggi antisemiti, si dimette il portavoce del ministro Lollobrigida
Politica / Meloni vs Schlein: l’Italia è tornata nel bipolarismo?