Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:27
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Busta con proiettile indirizzata all’ex ministro Martina

Immagine di copertina

Busta con proiettile indirizzata all’ex ministro Maurizio Martina | All’ex ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali dei Governi Renzi e Gentiloni nonché ex segretario del PD Maurizio Martina (qui la sua biografia) è stata inviata una busta con all’interno un proiettile.

La missiva, che conteneva solamente la cartuccia senza alcun messaggio, è stata notata dagli addetti del centro di smistamento dell’aeroporto di Genova e sequestrata dai carabinieri nella giornata di martedì 28 maggio.

A riferirlo è il quotidiano di Genova Il Secolo XIX, che aggiunge anche che sulla vicenda stanno indagando le forze dell’ordine.

Non si tratta del primo esponente politico vittima di una simile minaccia.

Lo scorso 21 maggio, infatti, era stato il ministro dell’Interno Matteo Salvini a ricevere una busta con un proiettile calibro 9, mentre pochi giorni prima, il 15 maggio, una missiva con un bossolo era stata spedita al sindaco di Torino Chiara Appendino.

Nato da una famiglia di operai di Calcinate, in provincia di Bergamo, Martina inizia la carriera politica con il Movimento degli studenti. Nel 1999, invece, viene eletto consigliere comunale a Mornico al Serio.

Successivamente, aderisce alla Sinistra Giovanile e nel 2002 entra a far parte della segreteria regionale, in qualità di responsabile per il settore lavoro.

La sua sarà una vera e propria scalata al partito: nel 2004 è segretario provinciale dei Ds, due anni dopo è segretario regionale.

Nel 2007 aderisce al neonato Partito Democratico, di cui è subito segretario regionale. Dal 2010 ricopre anche il ruolo di consigliere regionale in Lombardia.

Il resto è storia recente: la nomina a sottosegretario alle Politiche agricole, alimentari e forestali nel Governo Letta e la “promozione” a ministro nei Governi Renzi e Gentiloni.

Dopo le dimissioni di Matteo Renzi da segretario del PD, assume la guida del partito sino al 3 marzo, quando tramite le primarie viene eletto come nuovo segretario Nicola Zingaretti.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Calci e schiaffi alle figlie, assolto il padre: il fatto non sussiste
Cronaca / Taranto, ritrovato senza vita Don Giovanni Marraffa: il mistero sulla morte
Cronaca / Ferrara, suv investe due bici e fugge: morto ragazzo di 16 anni
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Calci e schiaffi alle figlie, assolto il padre: il fatto non sussiste
Cronaca / Taranto, ritrovato senza vita Don Giovanni Marraffa: il mistero sulla morte
Cronaca / Ferrara, suv investe due bici e fugge: morto ragazzo di 16 anni
Cronaca / Roma, 16enne abusata nell’ascensore della metro: arrestato 22enne
Cronaca / Juventus, chiesto il processo per Andrea Agnelli e altri 12 indagati
Cronaca / Ischia, trovati altri due corpi: salgono a 10 le vittime accertate della frana
Cronaca / “Dovevamo ascoltarlo di più. La colpa è anche nostra”: parla la mamma di Riccardo, il ragazzo morto prima della finta laurea
Cronaca / Caso Soumahoro, finita l’ispezione alla cooperativa Karibu. Il ministro Urso: ”Sarà messa in liquidazione”
Cronaca / Insegna per 20 anni senza laurea, condannata prof: “Deve restituire 314mila euro di stipendi”
Cronaca / La bugia sulla laurea e lo schianto in auto, il dolore del papà di Riccardo: “Non caricate i vostri figli di troppe aspettative”