Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Lombardia, l’ordinanza di Speranza: “Il passaggio a zona arancione dopo la rettifica dei dati”

Immagine di copertina

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha notificato l’ordinanza che fa passare la Lombardia in zona arancione, dopo una settimana in cui le era stata attribuita la zona rossa a causa di dati errati che avevano fatto scattare un Rt superiore a 1.4 quando era inferiore a 1.

Zona rossa in Lombardia, parla Speranza

Nell’ordinanza del ministro si legge che “constatato che questo nuovo invio dei dati costituisce una rettifica degli stessi dalla Regione Lombardia (il ministro, ndr.) ha valutato positivamente la riclassificazione della regione”. Parole che smentiscono in modo fermo la posizione del governatore lombardo Attilio Fontana e della neo assessora al Welfare Letizia Moratti.

Replica che porta immediatamente una controreplica da parte del presidente leghista della Lombardia che aveva passato tutta la giornata di ieri a rivendicare i “dati precisi, puntuali e corretti” inviati all’Istituto superiore di Sanità e anche oggi parla di “professionisti della mistificazione della verità” ai quali “ribadisco ancora una volta che i ‘dati richiesti’ alla Lombardia sono sempre stati forniti con puntualità e secondo i parametri standard. Semmai qualcuno a Roma dovrebbe chiedersi come mai Regione Lombardia abbia dovuto segnalare il ‘mal funzionamento’ dell’algoritmo che determina l’Rt dell’ISS. Chi, invece, sostiene il contrario lo deve dimostrare con atti concreti e non manipolando la realtà a uso propagandistico”.

I dati sbagliati

Come anticipato da TPI, la presa di posizione ufficiale da parte dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) indica in maniera molto chiara una revisione dei dati relativi alla situazione sanitaria in Lombardia, che secondo tale ricostruzione sarebbe da attribuire proprio alle informazioni provenienti dalla Regione.

Oggi, venerdì 22 gennaio 2021, è emerso che la Lombardia è stata per una settimana in zona rossa a causa di un errore sui dati forniti, sulla cui responsabilità è in atto un rimbalzo sull’asse Milano-Roma.

Un documento dell’Iss mette nero su bianco, peraltro, che è stata la Regione a rettificare i dati da lei stessa forniti. Lo stesso titolo del documento è molto indicativo, in quanto parla di “implicazioni della nuova disponibilità di dati notificati dalla Regione Lombardia” [Qui il documento integrale].

Leggi anche: Zona rossa in Lombardia, così la Regione ha modificato i dati: il documento

Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi-Conte, lunedì l’incontro. L’ex premier: “Valuteremo se restare”
Politica / Grillo pubblica un post contro i traditori: “Si sentono eroi ma non lo sono”. Di Maio: “Basta picconare il governo”
Ambiente / Papa Francesco: “La Natura ce la sta facendo pagare”
Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi-Conte, lunedì l’incontro. L’ex premier: “Valuteremo se restare”
Politica / Grillo pubblica un post contro i traditori: “Si sentono eroi ma non lo sono”. Di Maio: “Basta picconare il governo”
Ambiente / Papa Francesco: “La Natura ce la sta facendo pagare”
Politica / Oggi telefonata Draghi-Conte, lunedì il faccia a faccia a Palazzo Chigi
Politica / Deputata Fdi: "Ius scholae sostenuto dai partiti che regalano la droga per strada"
Economia / Bollette, nuovo decreto contro il caro energia. Draghi: “Evitati aumenti fino al 45%”
Politica / Draghi: “Il governo non rischia e non esiste senza il M5S. Questa è l’ultima legislatura da premier”
Politica / Governo, Di Maio: “Quello visto in questi giorni è uno spettacolo indecoroso”
Politica / Adinolfi a TPI: “L’aborto è come il divorzio, quando non c’era l’Italia era più bella e sana”
Politica / Salvini attacca Pd e M5s: “Non possiamo accettare forzature su ius scholae e cannabis”