Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Letta vede Renzi: l’incontro inaspettato. “Sostegno a Draghi ma divisi sul M5S”

Immagine di copertina

Letta vede Renzi: l’incontro inaspettato. “Sostegno a Draghi ma divisi sul M5S”

Alla fine Letta ha visto anche Renzi: l’ultimo degli incontri programmati dal neo segretario del Pd per inaugurare il suo mandato è stato con il segretario di Italia Viva. Forse il primo confronto da quando l’ex premier fu sfiduciato dall’allora segretario nella sede del Nazareno a febbraio 2014. Dove oggi, a sette anni di distanza, Letta fa gli onori di casa.

Ma è nella sede dell’Arel che Letta ha incontrato Renzi, dove circa due settimane fa aveva ospitato anche Giuseppe Conte. Ma i toni rispetto a quel colloquio sono molto più distaccati. Un confronto che fonti del Nazareno definiscono “franco e cordiale”. È durato circa 40 minuti ed ha affrontato tutti i temi sul tavolo, dal Covid ai vaccini, dal governo Draghi al rapporto con il M5s fino alle elezioni amministrative.

E proprio sul M5S e sul nuovo leader i due segretari, come prevedibile, hanno confermato le proprie divergenze. “Letta e Renzi hanno verificato una divergenza profonda sul rapporto con Conte e pentastellati. Un rapporto che il segretario Pd considera essenziale per costruire in prospettiva un’alternativa vincente alla destra di Giorgia Meloni e Matteo Salvini”, fanno sapere fondi dem. Quanto alle elezioni amministrative di ottobre, “il leader del Pd si è limitato ad ascoltare alcune idee di Renzi”.

Su un tema i due leader concordano, e cioè quello dell’appoggio al governo Draghi, che deve essere pieno, perché in questa fase l’impegno prioritario di tutti è nel sostegno alla campagna vaccinale del governo e alle iniziative da mettere in campo per l’aiuto economico e sociale necessario dopo le chiusure causate dalla pandemia.

Leggi anche: La lettera di Conte alla Stampa e al Gruppo Gedi: “Contro di me falsità sorprendenti. Avete sposato la causa Draghi”
Ti potrebbe interessare
Opinioni / I populisti cavalcano il malessere delle persone, ma non hanno soluzioni. Ecco come fermarli (di N. Zingaretti)
Politica / L’annuncio di Meloni: “Chico Forti sarà trasferito in Italia”
Politica / Vannacci: “In tv troppi gay, cerco di orientare le mie figlie verso l’eterosessualità”
Ti potrebbe interessare
Opinioni / I populisti cavalcano il malessere delle persone, ma non hanno soluzioni. Ecco come fermarli (di N. Zingaretti)
Politica / L’annuncio di Meloni: “Chico Forti sarà trasferito in Italia”
Politica / Vannacci: “In tv troppi gay, cerco di orientare le mie figlie verso l’eterosessualità”
Politica / Scuola, percorsi differenziati per gli alunni stranieri: il piano di Valditara scatena le polemiche
Politica / Veronica Lario: “Miliardaria? Il Tribunale mi ha tolto tutto. Io passata da velina ingrata”
Politica / Scontri a Pisa, Piantedosi: “Le cariche fatte per garantire l’incolumità degli agenti. Corteo violava la legge”
Politica / Schlein: “Meloni si può battere, ora vogliamo l’Abruzzo”
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale
Politica / L’Antifrode Ue ora indaga sulle cooperative della moglie e della suocera di Soumahoro
Politica / Due lauree, quattro lingue, il padre malato, il passato da manager: chi è Alessandra Todde, prima donna alla guida della Sardegna