Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Salvini pronto ad andare a Mosca: “Non mi sostituisco a Draghi”. Ma il governo non ne sapeva niente

Immagine di copertina

Matteo Salvini sarebbe pronto partire alla volta di Mosca per discutere della pace in Ucraina, come annunciato dalle agenzia venerdì sera con la sorpresa degli alleati di governo e dello stesso Carroccio. Il leader leghista non aveva avvisato nessuno del suo piano di svolgere una missione in Russia, né il premier Mario Draghi né il ministro dell’Interno Luigi Di Maio, né tantomeno il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. E la trasferta – che sarebbe la seconda di un politico europeo nella capitale russa dopo quella del cancelliere austriaco Karl Nehammer da quando è cominciato il conflitto – secondo Repubblica avrebbe ottenuto l’OK dall’Ambasciata russa in Italia senza passare per la Farnesina, tramite la mediazione del partito di Putin, con cui la Lega aveva stretto una partnership in passato.

Nei giorni in cui il premier Mario Draghi ha sentito telefonicamente sia il presidente russo che quello ucraino per sbloccare la questione del grano e tentare di parlare di pace (anche se il primo ministro ha affermato di “non vedere spiragli” in questo senso), Salvini si inserirebbe nella mediazione che palazzo Chigi sta portando avanti con un’iniziativa personale. Pronto a vedere “i ministri di Putin“. “Dopo un lavoro di settimane e a tutti i livelli, ed ormai entrati nel quarto mese di guerra, si sta aprendo la possibilità di incontrare, per parlare di cessate il fuoco, forniture di grano e ritorno al dialogo, rappresentanti dei governi di Russia e Turchia, nonché rappresentanti di altri governi e istituzioni internazionali”, ha detto in serata l’ex ministro ai colleghi della Lega. Ma l’iniziativa presa in solitaria e non condivisa con nessun vertice di governo spiazza il premier e il Capo dello Stato – che non commentano – e potrebbe avere un impatto sull’opinione pubblica europea e internazionale, perché il segretario del Carroccio resta parte dell’esecutivo.

Eppure l’ex ministro ha affermato che sul viaggio non vi è nulla di certo e di non andare a Mosca “a nome del governo“. “Non sfido Draghi, semmai è un supporto. Mario Draghi ha chiamato Mosca, si è soffermato a lungo. È un ribadire, un aggiungere e rafforzare. Non mi sostituisco a niente e a nessuno”, ha detto oggi al programma Sabato Anch’io di Rai Radio 1. Dall’invasione russa soltanto il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, il cancelliere austriaco e il presidente bielorusso Alexander Lukashenko – uno storico fedelissimo del Cremlino – hanno incontrato personalmente Vladimir Putin. Salvini da tempo aveva annunciato di essere disposto ad andare “a piedi a Mosca o Kiev” per portare avanti un’iniziativa di pace. Ma se l’intenzione non è quella di rappresentare il governo la missione risulta allora una nuova mossa di campagna elettorale.

 

 

Ti potrebbe interessare
Politica / Di Maio vede Sala per parlare di un nuovo progetto politico
Politica / M5S, Conte dopo l’incontro con Draghi: “Restiamo nel governo ma serve discontinuità”
Politica / Cannabis, parlamentari della Lega a Salvini: “Pronti a barricate in Aula”
Ti potrebbe interessare
Politica / Di Maio vede Sala per parlare di un nuovo progetto politico
Politica / M5S, Conte dopo l’incontro con Draghi: “Restiamo nel governo ma serve discontinuità”
Politica / Cannabis, parlamentari della Lega a Salvini: “Pronti a barricate in Aula”
Politica / La grande illusione delle privatizzazioni: un fallimento lungo 30 anni
Politica / Rimandato il faccia a faccia tra Conte e Draghi. Si vedranno il 6 luglio
Politica / Governo, Calenda: “Non sarà un altro Papeete. Conte fa solo sceneggiate”
Politica / Ius Scholae, Renata Polverini (FI) perentoria: “Voterò sì, è la mia battaglia. Da Meloni mi aspetto un colpo di scena”
Politica / Di Maio: “Qualcuno cerca il pretesto per far cadere il governo, ma se si va al voto il Paese va nel baratro”
Politica / Draghi-Conte, lunedì l’incontro. L’ex premier: “Valuteremo se restare”
Politica / Grillo pubblica un post contro i traditori: “Si sentono eroi ma non lo sono”. Di Maio: “Basta picconare il governo”