Di Maio: “Nel decreto sicurezza bis inserire le norme sui rimpatri”

Di Marco Nepi
Pubblicato il 16 Mag. 2019 alle 20:59 Aggiornato il 31 Mag. 2019 alle 20:44
0
Immagine di copertina
Luigi Di Maio. Credit: ANSA/GIUSEPPE LAMI

GOVERNO NEWS DI MAIO DECRETO SICUREZZA – “Nel decreto sicurezza bis devono essere inserite norme che permettono i rimpatri. Se un’urgenza di questo decreto c’è è solo il bisogno di fare i rimpatri”. È intervenuto così su una delle vicende più calde per il governo M5S-Lega il vicepremier Luigi Di Maio, intervistato in tv, su SkyTg24. “Un rimpatrio costa 10-14mila euro quindi la copertura non può essere di qualche centinaio di milioni di euro”, sono state le parole del capo politico del Movimento 5 Stelle.

Le ultime news sul governo

Governo news | Di Maio: “Inserire le norme sui rimpatri”

Ma Di Maio è stato chiamato a rispondere su diversi altri temi. A partire da quelli fiscali. “La flat tax la voto. Aspetto il testo della Lega per essere sicuro che non sia una promessa elettorale. La potevamo fare anche con la scorsa legge di bilancio, ma poi la Lega ha preferito farla solo alle partite Iva”, ha affermato il vicepresidente del Consiglio sul taglio dell’Irpef. E ha precisato: “La firmo, ma pongo solo due condizioni: la flat tax non deve servire ad aiutare i ricchi e soprattutto non si devono usare le risorse degli 80 euro di Renzi se no è una presa in giro”.

Le news sul governo del 16 maggio

Sul fronte della realizzazione del contratto di governo, poi, Di Maio ha affermato che nella seconda fase del programma ci saranno aiuti al ceto medio. Sulle polemiche per i voli di Stato: “Mai preso uno”.

Altro punto l’evasione fiscale, che – ha detto il leader M5S – “vale 300 miliardi”. “Questo – ha proseguito – vuol dire che 25 miliardi per la prossima manovra li troviamo subito”. Di Maio ha anche sottolineato che bisogna fare la legge che prevede “il carcere per i grandi evasori. Il carcere è un forte deterrente all’evasione. È nel patto di governo. Spero che riusciremo a farlo dopo le elezioni”.

Sulla corruzione e in particolare sull’arresto del sindaco leghista di Legnano: “C’è un’emergenza” – sono state le parole del capo politico del Movimento 5 Stelle – e dal M5S non ci si può aspettare che intransigenza, Io chiedo alla Lega di essere diversa dagli altri partiti e di mettere fuori questo sindaco”.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.