Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:07
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Berlusconi contro il M5s: “Ha le idee dei vecchi comunisti”

Immagine di copertina
Silvio Berlusconi

Governo news Berlusconi – Silvio Berlusconi attacca il Movimento Cinque Stelle.

Dagli studi di Mattino Cinque, l’ex Cavaliere ha dichiarato: “Oggi la situazione è più grave nel 1994. Il M5s ha le idee dei vecchi comunisti e aggiunge un dilettantismo spinto. Sono accecati dall’invidia sociale”.

“Sulla giustizia hanno deciso di togliere la prescrizione dai processi – ha incalzato il leader di Forza Italia – Così si rovinano relazioni sociali ed economiche. Hanno cambiato la presunzione di innocenza in presunzione di colpevolezza. Si è visto con la vicenda del sottosegretario Siri”.

Berlusconi si inserisce così nello scontro tra gli alleati di governo (qui tutte le ultime news sull’esecutivo), sempre più aspro negli ultimi giorni.

Non è un mistero che il leader di Forza Italia stia spingendo per un’alleanza con la Lega. Da tempo l’ex Cavaliere corteggia Salvini, proponendo lo schema di una maggioranza di governo alternativa, tutta di centrodestra.

Per farlo, Berlusconi cerca quindi di cavalcare le tensioni tra Lega e M5s.

Tensioni che si sono acuite anche nelle ultime 24 ore, con il ministro del Lavoro Luigi Di Maio che ha affermato ad Agorà, su Rai Tre: “Il tema non è lo spread in sé e neanche il 3 per cento, il tema è quando dichiari che vuoi sforare il 3 per cento aumentando il debito pubblico. Quindi lo dico chiaramente: il M5s non voterà mai un legge di bilancio per aumentare il debito pubblico.

Di Maio ha così smentito Salvini, che nei giorni scorsi aveva dichiarato: “Se servirà infrangere alcuni limiti del 3 per cento o del 130-140 per cento, tiriamo dritti”.

Lo scontro tra gli alleati è però anche sulla giustizia, soprattutto dopo il caso Siri (qui tutti gli aggiornamenti sulla vicenda del sottosegretario).

Berlusconi, da sempre ostile alla mentalità giustizialista anche per le note vicende che lo riguardano personalmente, cerca quindi di cavalcare la rabbia della Lega su questo tema per riportare nel suo campo Salvini e il Carroccio.

Ti potrebbe interessare
Politica / La sindrome di Draghi nella Lega: Giorgetti è il leader parallelo che segue Mario
Politica / La Camera approva la riforma del processo penale: 396 sì
Politica / Nasce "Italia Domani", il sito per monitorare opere e costi del Pnrr
Ti potrebbe interessare
Politica / La sindrome di Draghi nella Lega: Giorgetti è il leader parallelo che segue Mario
Politica / La Camera approva la riforma del processo penale: 396 sì
Politica / Nasce "Italia Domani", il sito per monitorare opere e costi del Pnrr
Politica / Viminale: elezioni amministrative il 3 e 4 ottobre
Politica / Dal fratello di Maradona al compagno della Carrà: quei vip candidati alle elezioni comunali
Politica / Draghi, Renzi, Di Maio: le tre spine per Conte nuovo leader M5S
Politica / Ddl Zan, il piano di Renzi e Salvini per farlo approvare subito (ma alle loro condizioni)
Politica / La riforma della giustizia passa alla Camera: sì alla fiducia, anche M5s a favore
Politica / Salvini difende Jacobs dai sospetti dei media stranieri: “Squallidi, non sapete perdere”
Politica / Stragi, Draghi toglie il segreto su Gladio e sulla P2