Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Berlusconi e i contatti con Mosca durante la crisi: “L’ambasciatore mi ha detto la verità sulla guerra”

Immagine di copertina

“Ho parlato con l’ambasciatore russo in Italia Razov. Mi ha spiegato le loro ragioni, cosa ha fatto Zelensky. Mi ha raccontato che è stata l’Ucraina a provocare ventimila vittime nelle zone contese. E che l’invasione era necessaria perché il rischio era che l’Ucraina attaccasse la Russia”, queste le parole con cui, secondo un retroscena di Repubblica, Silvio Berlusconi si sarebbe rivolto agli alleati citando la conversazione con l’ambasciatore russo in Italia, Sergey Ravoz, proprio nel giorno in cui il centrodestra decideva di non votare la fiducia al governo Draghi portandolo alle dimissioni.

Anche in questo caso, dunque, ricompare il braccio di Mosca sulla caduta del governo Draghi. Il Cavaliere, amico di vecchia data di Vladimir Putin, non aveva mai sposato in pieno la linea atlantista del premier Mario Draghi, che avrebbe criticato proprio nel vertice del 20 luglio a Villa Grande, aiutato anche dalle parole di Razov. Ma era il 20 maggio quando Berlusconi, a margine di un evento di Forza Italia a Napoli, aveva affermato che l’Europa doveva fare “una proposta di pace cercando di far accogliere agli ucraini le domande di Putin”. “Inviare armi significa essere cobelligeranti”, aveva dichiarato. Nelle settimane successive la diplomazia americana aveva fatto pressioni per comprendere la linea del Cavaliere, ma Berlusconi non si è mai speso per Kiev. Tanto da sentire Ravoz  e menzionare la telefonata a tutti quando si decideva sulla fiducia al governo.

Dopo le rivelazioni de La Stampa, secondo cui l’emissario di via Bellerio Antonio Capuano avrebbe avuto contatti con il numero due dell’ambasciata russa a Roma, desideroso di sapere se la Lega fosse interessata a ritirare i suoi ministri dal governo, il nuovo retroscena corrobora la tesi secondo cui Mosca in questi mesi abbia avuto un ruolo attivo nel comprendere e in qualche modo influenzare le decisioni di alcuni partiti sul destino del governo di larghe intese. Ora che questo è caduto, sempre secondo Repubblica, Putin sarebbe interessato a destabilizzare la campagna elettorale in favore della destra, e in particolare di Salvini.

Una delle armi a disposizione del Cremlino sarebbe il cosiddetto “battaglione Wagner”, legione di mercenari fedeli allo Zar che operano in Africa, Siria, Libia e, dall’esplosione del conflitto, anche in Ucraina dell’est. Proprio in Libia gli uomini di Putin starebbero incentivando le partenze di migranti a bordo di barconi di fortuna dalla regione orientale dalla Cirenaica verso l’Italia, per permettere alla Lega di buttare benzina sul fuoco della propaganda anti migranti così cara a via Bellerio. Ma non tutti i partiti di centrodestra strizzano l’occhio a Putin. Proprio la favorita alle prossime elezioni Giorgia Meloni avrebbe provato a rassicurare Washington affermando di essere “garante senza ambiguità della collocazione italiana e dell’assoluto sostegno all’eroica battaglia del popolo ucraino”. Sui presunti contatti tra Capuano e Kostyukov, Meloni ha domandato chiarezza: “Le questioni di carattere internazionale vanno chiarite e approfondite”, ha affermato.

Ti potrebbe interessare
Politica / Elezioni europee, la Commissione antimafia segnala 7 candidati impresentabili
Politica / “Presidente De Luca, sono quella stronza della Meloni”: il video virale del faccia a faccia tra la premier e il governatore campano
Interviste / Gli educatori e i pedagogisti avranno il loro albo. Parla la presidente dell’associazione di categoria
Ti potrebbe interessare
Politica / Elezioni europee, la Commissione antimafia segnala 7 candidati impresentabili
Politica / “Presidente De Luca, sono quella stronza della Meloni”: il video virale del faccia a faccia tra la premier e il governatore campano
Interviste / Gli educatori e i pedagogisti avranno il loro albo. Parla la presidente dell’associazione di categoria
Politica / Il ministro Salvini cambia le regole sugli autovelox: ecco le principali novità
Politica / Meloni sbeffeggia La7: “Salotti radical chic”. Formigli: “Insulta i telespettatori”. E Mentana le rinnova l’invito
Politica / Stop alla cannabis light, il Governo vuole equipararla a quella non light
Politica / Palermo, trovato morto il marito dell’eurodeputata Donato: “L’hanno ucciso”
Politica / “Benvenuti a TeleMeloni”: la premier provoca. E attacca Schlein: “La sinistra limita la libertà”
Politica / Il ministro Piantedosi telefona a Massimo Giannini: “Le chiedo scusa a nome della Polizia”
Politica / Massimo Giannini: “Io, svegliato alle 4 notte per una querela per diffamazione. Dietro c’è una regia politica”