Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Retroscena TPI – Giustizia, Di Maio e Letta obbediscono a Draghi: Conte avrà un contentino e darà l’ok alla riforma

Immagine di copertina

Dietro le quinte della politica, in queste ore si sta consumando una guerra fratricida sulla giustizia che sta attraversando almeno due forze politiche: il M5S ed il Pd. Gli effetti più visibili sono quelli che riguardano il movimento di Giuseppe Conte e Beppe Grillo, dove l’ex presidente del Consiglio è costretto a continui “stop and go” causati dal rapporto difficile, per usare un eufemismo, con l’ala governista guidata dal ministro degli Esteri, Luigi Di Maio.

Il titolare della Farnesina è in effetti nel mirino della componente radicale, dalla ministra Fabiana Dadone (Politiche giovanili) al direttore del Fatto Quotidiano Marco Travaglio, i quali spingono Conte a porre fine alla presenza dei Cinque Stelle nell’esecutivo Draghi.

L’ex presidente del Consiglio è, per così dire, a metà del guado: il suo sentire è molto più vicino a quello di Travaglio (anzi, diciamo pure che è sulla stessa lunghezza d’onda) ma si rende conto che il prezzo di una rottura per lui sarebbe salatissimo. E quindi, chi lo conosce bene scommette che il 2 agosto, giorno in cui la Camera dovrebbe votare la riforma Cartabia, si accontenterà di pochissimo: magari di una “romanella” (nel gergo romanesco, un piatto di pasta avanzata ripassata in padella, ndr), giusto per dire che ha ottenuto qualcosa.

Ma è in difficoltà anche l’altro alleato: il Pd. Enrico Letta – il “pisano” come lo chiamano i detrattori all’interno del partito – all’inizio delle rimostranze grilline sul testo approvato all’unanimità dal Cdm aveva cercato in tutti i modi di sostenere Conte, inventandosi il non molto azzeccato “Lodo Serracchiani”.

Dopo l’affondo di Draghi sulla fiducia e le prime rimostranze dentro il partito, il segretario dem ha dovuto invece ritirare le sue ambizioni e accucciarsi sotto l’ombra rassicurante del presidente del Consiglio.

Sparita la mediazione, ora il Pd sembra scegliere Draghi “senza se e senza ma”. Perché, come sa bene il corpaccione dei dem – pieno zeppo di amministratori, locali e non, che ben sanno quali sono i rischi giudiziari per chi governa – “il Pd non può perdere il treno del garantismo”.

Qualche grana da Letta arriva anche dal collegio di Siena, dove il segretario si è candidato alle elezioni suppletive perché in caso di vittoria potrà meglio dirigere le danze in vista dell’elezione del prossimo presidente della Repubblica.

Letta sarà costretto ad andare a Canossa per blindare il collegio, ovvero incontrare e concordare il da farsi con Matteo Renzi. In caso contrario, cioè con Italia Viva che si lancia su una candidatura alternativa, il suo ritorno in Parlamento potrebbe diventare molto più arduo.

Ti potrebbe interessare
Politica / Salvini: "Chi paga il caffè con la carta è solo un rompipalle"
Politica / Inchiesta Open, Renzi chiede a Nordio un’indagine sui pm di Firenze. Il ministro: “Rigoroso accertamento”
Politica / Armi all’Ucraina, il governo si prepara a prorogare le forniture fino a fine 2023: confermata la linea Draghi
Ti potrebbe interessare
Politica / Salvini: "Chi paga il caffè con la carta è solo un rompipalle"
Politica / Inchiesta Open, Renzi chiede a Nordio un’indagine sui pm di Firenze. Il ministro: “Rigoroso accertamento”
Politica / Armi all’Ucraina, il governo si prepara a prorogare le forniture fino a fine 2023: confermata la linea Draghi
Cronaca / Caso Soumahoro, finita l’ispezione alla cooperativa Karibu. Il ministro Urso: ”Sarà messa in liquidazione”
Politica / Decreto anti rave, il governo riscrive la norma: escluse le manifestazioni
Politica / Armi all’Ucraina, il governo ritira l’emendamento ma incassa l’ok del Pd per il decreto
Politica / Pd, Elly Schlein verso la candidatura alla segreteria: “Costruiamo una nuova strada”
Politica / Cartabianca, lite tra Orsini e Lupi in diretta tv: “Lei deve portare rispetto”
Politica / Ponte sullo stretto, Salvini: “Pericolo per gli uccelli? Non sono scemi, lo eviteranno”
Politica / Calenda vede Meloni: “Premier preparata, Fi la aiuti invece di sabotarla”. Gli azzurri: “Lui irrilevante”