Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:20
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Fuga dal M5S: dopo Ermellino e Riccardi, altri parlamentari pronti all’addio

Immagine di copertina
Il reggente M5s Vito Crimi e il presidente della Commissione Nazionale Antimafia Nicola Morra(D) durante la discussione generale sulla relazione sull'amministrazione della giustizia nell'aula del Senato, Roma, 28 gennaio 2020. ANSA/FABIO FRUSTACI

I numeri della maggioranza in Senato - già in bilico - rischiano di essere colpiti da nuove defezioni ed espulsioni dal Movimento Cinque Stelle

Fuga dal M5S: dopo Ermellino e Riccardi, altri parlamentari pronti all’addio

Dopo l’abbandono della deputata Alessandra Ermellini e della senatrice Alessandra Riccardi, altre possibili defezioni di parlamentari dal Movimento Cinque Stelle minacciano i numeri della maggioranza, che sono in bilico soprattutto al Senato. La prossima “fuga”, in particolare, secondo le indiscrezioni diffuse dal Corriere della Sera, potrebbe riguardare le senatrici M5S Tiziana Drago e Marinella Pacifico.

S&D

La prima, interpellata dall’Adnkronos sulle indiscrezioni secondo cui sarebbe pronta ad abbandonare il gruppo pentastellato al Senato con un possibile approdo alla Lega di Matteo Salvini, si schermisce: “Io via dal Movimento? Sempre la stessa domanda…”. Ma poi riconosce: “Forse è il Movimento che mi vorrebbe fuori. Occorrerebbe chiedere a qualcuno dei vertici…”. Drago dice di riferirsi solo a  “sensazioni”, ma dalle sue parole si evince chiaramente come il suo rapporto con i vertici M5S non sia dei più idilliaci.

La senatrice Marinella Pacifico, in ritardo di un anno con le restituzioni, potrebbe decidere di spostarsi alla Lega nelle prossime settimane, prima del probabile provvedimento disciplinare nei suoi confronti. Un altro esponente M5S a Palazzo Madama in odore d’uscita è il senatore Mattia Crucioli, che – secondo quanto riporta l’Huffington Post, potrebbe andare ad affiancare Gianluigi Paragone al gruppo Misto. Ma a pesare sulla maggioranza sono anche le possibili espulsioni che riguardano chi, come il senatore Fabio Di Micco, è in ritardo da diversi mesi con le restituzioni.

Leggi anche: 1. Il M5s perde pezzi. Ora la maggioranza al Senato è in bilico /2. La deputata lascia il M5S: “È uno spazio privo di confronto e competenza”

Ti potrebbe interessare
Politica / “Lei è ebrea?” e scoppia la polemica sul giornalista Rai per la domanda rivolta alla senatrice Ester Mieli di FdI
Politica / Il Parlamento europeo approva le prime norme dell’Ue contro la violenza sulle donne
Opinioni / Nel Governo di Giorgia Meloni ci sono gli stessi disvalori del Fascismo
Ti potrebbe interessare
Politica / “Lei è ebrea?” e scoppia la polemica sul giornalista Rai per la domanda rivolta alla senatrice Ester Mieli di FdI
Politica / Il Parlamento europeo approva le prime norme dell’Ue contro la violenza sulle donne
Opinioni / Nel Governo di Giorgia Meloni ci sono gli stessi disvalori del Fascismo
Politica / Crosetto: “Scurati? Censura fuori dal tempo, impoveriscono la Rai”
Politica / Europee, nel simbolo Pd non c'è il nome di Elly Schlein e in quello del M5S compare l'hashtag #pace
Politica / Europee, Conte: "Candidatura di Schlein? Condivido le parole di Prodi, è una ferita per la democrazia"
Politica / Elezioni Europee, Conte deposita il simbolo del M5S: alle sue spalle spunta Calderoli | VIDEO
Politica / Compagni nella vita, avversari in politica: il curioso caso di Marco Zanleone e Paola Pescarolo
Politica / Meloni attacca Scurati, la replica dello scrittore: "Chi esprime un pensiero deve pagare un prezzo?"
Politica / Elezioni europee, ecco tutti i simboli depositati per le elezioni