Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:19
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Fratelli d’Italia sospende Calogero Pisano, il candidato che inneggiava a Hitler e Putin

Immagine di copertina

Fratelli d’Italia sospende Calogero Pisano, il candidato che inneggiava a Hitler e Putin

Fratelli d’Italia ha annunciato la sospensione “con effetto immediato” di Calogero Pisano, candidato del partito al collegio uninominale della Camera, che sul suo profilo Facebook aveva inneggiato a Hitler e Putin.

“È sollevato da ogni incarico di partito, a partire da quello di coordinatore provinciale di Agrigento e di componente della Direzione nazionale. Da questo momento in poi Pisano non rappresenta più FdI a ogni livello e a lui viene inibito anche l’utilizzo del simbolo. È deferito al collegio di garanzia del partito per ogni ulteriore decisione”, ha dichiarato il partito guidato da Giorgia Meloni, dopo le polemiche scatenate da un articolo di La Repubblica.

“Io sto con Vladimir Putin”, aveva scritto nel 2014 Calogero, coordinatore provinciale di FdI a Agrigento, che nello stesso anno aveva definito Adolf Hitler un “grande statista”, in un commento ispirato da uno slogan usato Meloni, “L’Italia sopra a tutto”, paragonato a quello del dittatore tedesco (il riferimento è al “Deutschland über alles”). In altri post del 2016, aveva ringraziato chi accusava Giorgia Meloni di essere “una fascista moderna” e aveva inneggiato a “tutti i camerati d’Italia.

“È inaccettabile l’idea che nel prossimo Parlamento possa sedere chi inneggia a Hitler”, il commento di Ruth Dureghello, presidente della Comunità ebraica di Roma.

“Anni fa ho scritto cose profondamente sbagliate. Avevo cancellato il mio profilo personale su Facebook perché mi vergognavo delle cose che erroneamente avevo pubblicato”, ha detto Pisano.  “Non so come Repubblica le abbia trovate oggi, ma sono il primo a condannare senza ambiguità quelle espressioni. Chiedo scusa a chiunque si sia sentito offeso da quei post che a distanza di anni giudico indegni”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Nel paese natale di Conte M5S all’85%, il sindaco: “Conte mi ha scritto commosso”
Politica / Cirinnà (Pd): “Ha perso il partito, Letta mai sentito e mai lo risentirò”
Politica / Renzi rompe il silenzio: "Meloni ringrazi Letta"
Ti potrebbe interessare
Politica / Nel paese natale di Conte M5S all’85%, il sindaco: “Conte mi ha scritto commosso”
Politica / Cirinnà (Pd): “Ha perso il partito, Letta mai sentito e mai lo risentirò”
Politica / Renzi rompe il silenzio: "Meloni ringrazi Letta"
Politica / Pd, parte il totosegretario: da Bonaccini a Schlein, i candidati alla successione di Letta
Politica / Giorgia Meloni festeggia la vittoria alle elezioni in palestra
Politica / Totoministri, Meloni chiude a Salvini: non avrà il Viminale o altri ministeri chiave
Politica / La sorella di Giorgia Meloni: "Non è vero che è contro l'aborto"
Politica / La mamma di Giorgia Meloni: "Ora tolga subito la vergogna del Rdc"
Politica / Bossi fuori dal Parlamento dopo 35 anni: "Dal Nord messaggio chiaro, va ascoltato". Maroni: "Alla Lega serve un nuovo segretario"
Politica / Salvini: "Abbiamo pagato sostegno a Draghi ma non mi dimetto"